Tumori: fotoimmunoterapia e anti…

La luce potrebbe aiutare …

Danni polmonari: identificata un…

Identificata una popolazi…

Valvola aorta impiantata senza p…

Innovativo intervento di …

Albumina - creatina e attacchi d…

[caption id="attachme…

Europa No-Smoking: il 60 percent…

Europa 'no smoking'. Il …

Adenocarcinoma polmonare: un nuo…

[caption id="attachment_6…

Tumore alla prostata: a Saviglia…

[caption id="attachment_6…

Flora intestinale: il futuro la …

Il futuro della corretta …

Chemioterapia: recente studio mo…

Alcuni ricercatori finanz…

MENOPAUSA, ORMONI E CERVELLO

L’uso prolungato di ormon…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Asma: con immunosoppressori migliora lo stato di quella cronica

Un tipo di asma cronica potrebbe essere trattato con farmaci che sopprimono l’azione del sistema immunitario. Come rivela un nuovo studio pubblicato sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, i pazienti che soffrono di granulomatosi asmatica, una grave forma respiratoria con piccole aree di infiammazione polmonare, possono essere trattati con immunosoppressori per ridurre gli effetti. “Dal 5 al 10 per cento dei pazienti d’asma e’ classificabile come cronico, ed e’ difficile da curare perche’ i problemi respiratori possono mettere in pericolo di vita.


Questi pazienti usano steroidi per ridurre l’infiammazione polmonare ma gli effetti collaterali sono devastanti”, hanno spiegato i ricercatori dell’University of Pittsburgh School of Medicine negli Usa, “abbiamo seguito pazienti ricoverati per asma cronica per un periodo dai 3 ai 24 mesi. Parte di loro hanno assunto steroidi mentre altri hanno assunto immunosoppressori. Dalle diagnosi post trattamento e le biopsie sul tessuto polmonare – hanno concluso gli esperti – abbiamo osservato che i pazienti sembrano rispondere meglio agli immunosoppressori che agli steroidi, indicando la valitida’ di un simile trattamento”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!