All’Istituto San Carlo il nuovo …

Al via da gennaio il cors…

Nuova tecnica di risonanza magne…

Sviluppata una nuova tecn…

Alzheimer e cancro: non si svilu…

[caption id="attachment_5…

15 anni di Legge Sirchia contro …

Presentati i dati della C…

Europa No-Smoking: il 60 percent…

Europa 'no smoking'. Il …

La scoperta che valse un Nobel a…

L'Ngf (Nerve Growth Facto…

I processi cerebrali che rendono…

Le decisioni che coinvolg…

Microbiota umano: studio agevola…

Creare nuovi modelli mate…

Esami di imaging fanno lievitare…

Gli esami di imaging sono…

Acne: un principio attivo estrat…

Le alghe possono essere u…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Asma: con immunosoppressori migliora lo stato di quella cronica

Un tipo di asma cronica potrebbe essere trattato con farmaci che sopprimono l’azione del sistema immunitario. Come rivela un nuovo studio pubblicato sull’American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, i pazienti che soffrono di granulomatosi asmatica, una grave forma respiratoria con piccole aree di infiammazione polmonare, possono essere trattati con immunosoppressori per ridurre gli effetti. “Dal 5 al 10 per cento dei pazienti d’asma e’ classificabile come cronico, ed e’ difficile da curare perche’ i problemi respiratori possono mettere in pericolo di vita.


Questi pazienti usano steroidi per ridurre l’infiammazione polmonare ma gli effetti collaterali sono devastanti”, hanno spiegato i ricercatori dell’University of Pittsburgh School of Medicine negli Usa, “abbiamo seguito pazienti ricoverati per asma cronica per un periodo dai 3 ai 24 mesi. Parte di loro hanno assunto steroidi mentre altri hanno assunto immunosoppressori. Dalle diagnosi post trattamento e le biopsie sul tessuto polmonare – hanno concluso gli esperti – abbiamo osservato che i pazienti sembrano rispondere meglio agli immunosoppressori che agli steroidi, indicando la valitida’ di un simile trattamento”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi