La Procura di Torino indaga la S…

Somministrazione di farma…

Geriatria: negli USA gli america…

Gli anziani americani di…

Depressione: una proteina potreb…

Gli scienziati hanno…

Ogni cervello ha un network, ogn…

Per evitare ingorghi e st…

Vista: stampate per la prima vol…

Un gruppo di ricercatori…

Malattie muscolo-scheletriche pe…

Le patologie di natura mu…

La carie, un problema di sanità …

Milano, 29 settembre 2014…

Percezione del corpo e memoria: …

Un nuovo studio del Karo…

Piorrea: studi e scoperte verso …

La struttura e il meccani…

Baci e benefici: meno calorie, m…

Non si tratta di legg…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo: Pediatri e Regione Toscana uniti contro disturbi comunicazione

L’unione fa la forza anche nella lotta ai disturbi dello sviluppo della comunicazione e della relazione che si manifestano fin dalla prima infanzia. Cosi’ dal 2010 la Regione Toscana ha dato avvio ad un Progetto che prevede il pieno coinvolgimento dei Pediatri di Famiglia nella diagnosi precoce dei disturbi dello spettro autistico e di altre anomalie nell’interazione sociale dei bambini piu’ piccoli. Attraverso lo screening effettuato in occasione del Bilancio di Salute del 18* mese, attuato dalla rete pediatrica del territorio che ha nella FIMP Toscana – Federazione Italiana Medici Pediatri – il suo punto di riferimento, e’ possibile mettere in evidenza tutta una serie di situazioni patologiche non solo riferibili all’autismo ma anche a patologie correlate con lo spettro autistico, per le quali una diagnosi tempestiva consente di intraprendere percorsi terapeutici e riabilitativi in grado di migliorare la situazione clinica dei piccoli pazienti.

Il Piano Sanitario Regionale 2008-2010 ha previsto, per la prima volta, azioni specifiche e individuato nella diagnosi precoce e nella terapia riabilitativa individualizzata gli strumenti necessari per dare un’assistenza adeguata alle persone affette da questi disturbi. L’intento della Regione Toscana e’ stato, tra gli altri, anche quello di dare particolare rilievo alla rete territoriale dell’assistenza. Ed e’ proprio per questo che risulta di fondamentale importanza il ruolo dei Pediatri di Famiglia, anche come supporto e guida per le famiglie. La progettualita’ regionale che ha coinvolto i pediatri di famiglia della FIMP come protagonisti nel programma di diagnosi precoce dei disturbi relazionali, ha introdotto, a partire dal 2010, lo ”Screening dello sviluppo della comunicazione e della relazione” che e’ diventato parte integrante e qualificante del Progetto Salute Infanzia.[one_fourth last=”no”]




[/one_fourth]

In occasione del Bilancio di Salute del 18* mese, questo screening viene effettuato tramite la somministrazione, da parte del pediatra di famiglia, di un questionario il cui invio viene effettuato attraverso il software di gestione della Cartella Clinica. Dal canto loro, le Aziende USL del territorio individuano i servizi aziendali di NPI (Neuropsichiatria Infantile) ai quali il Pediatra di Famiglia invia i soggetti con sospetto diagnostico. Ciascuna Azienda USL e’ altresi’ impegnata a far pervenire al pediatra le informazioni sul percorso di approfondimento diagnostico, l’eventuale presa in carico e l’andamento del setting terapeutico a cui e’ sottoposto il bambino. Nel 2011 i dati sullo Screening della relazione e comunicazione eseguito dal Pediatra in occasione del Bilancio di Salute del 18* mese hanno evidenziato che, su un campione di 31.926 bambini sottoposti a screening con eta’ di 18 mesi, i casi sospetti rilevati attraverso il questionario sono stati 73, di cui 33 sono stati confermati dai centri di riferimento di NPI come disturbi della sfera autistica o della comunicazione.

Rispettivamente: 9 nell’Area Vasta Nord Ovest che comprende le Asl di Massa Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Versilia; 18 nell’Area Vasta Centro che comprende le Asl di Pistoia, Prato, Firenze, Empoli; 6 nell’Area Vasta Sud Est che comprende le Asl di Siena, Arezzo, Grosseto.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!