Il cervello come reagisce ad un …

Metà degli ultrasessanten…

Vaccino anti-HERV tra le soluzio…

Nelle cellule infettate d…

L'area del cervello che 'delimit…

[caption id="attachme…

Citospugna per prelievo campioni…

[caption id="attachment_9…

Procreazione assistita: in Itali…

In Italia c'e' una tenden…

La vera pandemia del secolo è il…

[caption id="attachme…

Un farmaco anti-asma utile anche…

Il farmaco Amlexanox (nom…

Antidepressivi: l'AIFA registra …

Il farmaco in Italia e' …

Immuno-oncologia: quarta reale a…

Roma, 27 ott 2014 - Poten…

Ictus: un nuovo 'salvavita' potr…

Un nuovo aiuto contro l'i…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il caffè riduce il rischio di cancro intestinale fino al 40%

Bere molte tazzine di caffè al giorno pare possa ridurre in modo significativo il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto
Bere molte tazze di caffè al giorno forse può non essere l’ideale per tutti – in particolare chi magari ha problemi di nervosismo o altri – a causa del possibile eccesso di caffeina. Tuttavia, pare che questa abitudine possa sortire effetti benefici a livello intestinale proteggendo dal rischio di cancro del colon-retto.

Al fine di ottenere una riduzione significativa, fino al 40% del rischio di cancro all’intestino, secondo un nuovo studio, bisognerebbe assumere una quantità di caffè pari a circa 6 o più tazzine al giorno. Questo il dato che emerge dalla ricerca condotta dagli scienziati statunitensi del National Cancer Institute di Rockville nel Maryland, i quali hanno scoperto che per ottenere anche solo una riduzione del rischio di circa il 15% bastano quattro tazze di caffè al giorno.

Per arrivare alle loro conclusioni i ricercatori hanno analizzato i dati provenienti da un largo studio su dieta e salute condotto a partire dalla metà degli anni Novanta del secolo scorso. Lo studio ha coinvolto quasi 490mila soggetti di entrambi i sessi e i risultati sono stati pubblicati sull’ultimo numero della rivista American Journal of Clinical Nutrition.
I ricercatori hanno proceduto analizzando le abitudini di vita e dieta dei partecipanti, compreso il consumo di caffè confrontandoli con i tassi d’incidenza di cancro del colon-retto tra i bevitori di caffè e i non-bevitori.

I dati raccolti hanno permesso di rilevare che vi era una piccola, ma significativa, riduzione del rischio di tumore per chi beveva tra le quattro e le cinque tazzine di caffè al giorno. La differenza nella riduzione tuttavia aumentava quasi esponenzialmente quando le tazze diventavano 6 o più: come detto il rischio in questo caso si riduceva addirittura di quasi il 40% per alcuni tipi di cancro.
Tenuto conto che soltanto in Italia, secondo i dati del Ministero della salute, ogni anno si stimano oltre 20mila nuovi casi di cancro all’intestino fra gli uomini e oltre 17mila fra le donne, con un’alta percentuale di mortalità, tutte le possibilità di prevenire questo tipo di tumore sono da prendere in serie considerazione.

Gli esperti avvertono tuttavia di non eccedere con l’assunzione di caffeina – in particolare le donne in gravidanza. A parte ciò, se non vi sono controindicazioni di sorta, possiamo unire il piacere del caffè alla prevenzione di una temuta forma di cancro. Infine, ricordiamolo, il cancro dell’intestino può anche essere contrastato seguendo una dieta ricca di frutta e verdura e, per contro, povera di grassi e carni rosse.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!