Depressione: uomo e donna, due d…

[caption id="attachment_6…

Grande successo della terza ediz…

[caption id="attachment_2…

La complessa struttura di una ce…

La vita è più complessa d…

Vaccini: si avvicina il traguard…

[caption id="attachment_8…

Vauro per la giornata mondiale d…

..il piacere di connotare…

Fumo in gravidanza: aumento espo…

Le donne che fumano in g…

Cellule staminali tumorali: un m…

[caption id="attachment_5…

Tumore al seno: 500 mila le donn…

Nel nostro Paese vivono p…

Meningite: due nuovi vaccini in …

Due nuovi vaccini possono…

Ruolo cruciale della serotonina …

Il diabete sta diventando…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Virus dell’epatite C: trovato un anticorpo monoclonale ad azione preventiva

Un anticorpo monoclonale sviluppato dalla MassBiologics della University of Massachusetts Medical School e testato in un modello animale presso il Biomedical Research Institute del Texas e’ capace di preveniere l’infezione da virus dell’epatite C. I ricercatori hanno trovato che l’anticorpo monoclonale umano e’ riuscito a proteggere gli scimpanze’ dal virus. Gli scimpanze’ appartengono all’unica specie che, come gli esseri umani, puo’ essere infettata dal virus dell’Epatite C. La ricerca e’ stata pubblicata su ‘Plos Pathogens’.


I ricercatori avevano gia’ dimostrato che l’anticorpo monoclonale, chiamato HCV1, era in grado di bloccare l’infezione delle cellule del fegato in laboratorio. “Si tratta di un risultato molto importante perche’ lo studio dimostra che una dose elevata di anticorpi riesce a proteggere il fegato dall’aggressiva infezione dell’epatite C”, ha detto il co-autore Robert E. Lanford del Texas Biomed. “Si puo’ ipotizzare di partire dalla scoperta per realizzare un cocktail di anticorpi e dei piu’ recenti farmaci antivirali attualmente in uso per salvaguardare, ad esempio, l’insorgere dell’infezione nel trapianto del fegato”. .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!