il DNA: le funzioni che hanno, f…

Alcuni meccanismi di prot…

IN DIRETTA LA CURA LASER PER LA …

Professor Giovanni Ferr…

Celiachia nel bambino: conoscerl…

Milano, 15 settembre 2014…

Malattie autoinfiammatorie rare …

[caption id="attachment_1…

Sclerosi multipla: prima volta s…

La ricerca italiana segna…

Pallacanestro Varese: ora anche …

Già da febbraio Pallacane…

Rivaroxaban ottiene la rimborsab…

Milano, 29 Agosto 2014 – …

ADHD: la necessità di percorsi d…

Dal modello adottato dall…

Uno studio rivela che l'aria è p…

[caption id="attachment_1…

Diabete 1, in arrivo una cura d…

Novità incoraggianti da…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Allarme lanciato dalla Fimp: “Troppi programmi tv e spot pubblicitari, negli orari seguiti dai bambini e dagli adolescenti, presentano contenuti esplicitamente a sfondo sessuale!”

Roma, 30 novembre 2012 –  Il bombardamento di messaggi fuorvianti può  accelerare  il desiderio di esperienze sessuali, perché attraverso  le immagini  virtuali può passare il messaggio di rapporti facili, fini a se stessi, possibili in qualsiasi luogo, in qualsiasi momento e in ogni modo. La parabola e il digitale terrestre offrono decine di programmi in cui ragazze seminude pubblicizzano numeri di telefono per comunicazioni a sfondo erotico senza limitazione di orari. 

La Fimp si impegnerà a denunciare questa problematica presso il Garante per l’Infanzia e tutte le Istituzioni Politiche e Sociali che hanno l’autorità per intervenire. Dobbiamo perseguire una campagna di educazione sessuale, da svolgere nelle scuole, nelle associazioni e anche negli ambulatori, perché nelle peculiarità della Pediatria di Famiglia spicca, per importanza, l’educazione sanitaria, possibile ed attuabile grazie al rapporto di fiducia che si instaura con le famiglie.” Ha spiegato Giuseppe Mele, Presidente della Federazione Italiana Medici Pediatri.

 

I ragazzi, oggi più di prima, hanno libero accesso sia alla televisione che ad Internet, facendo ormai parte dell’arredamento di casa: è quindi evidente come vengano influenzati in maniera fuorviante, subendo senza possibilità di obiettività, data la loro età, rischiando una dipendenza morbosa.

 

Denunciamo l’influenza dei Media nello sviluppo sessuale dei bambini e degli adolescenti. Se da una parte c’è una pletora di programmi  pubblicitari, musicali, hot chat con messaggi a sfondo esplicitamente sessuali, dall’altra mancano o sono totalmente assenti programmi che si occupano di educazione all’esercizio della sessualità, come contraccezione, malattie trasmesse sessualmente e, perché no!, i valori legati alla sessualità.” Ha detto la dottoressa Maria Grazia Sapia, segretario Provinciale Fimp e componente uscente del Direttivo Nazionale della Società di Pediatria (Sip).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: