L’abc della crioconservazione

L’abc della crioconservaz…

Dopo isterectomia valutare l'asp…

Le donne che si sotto…

Chemioterapia e fertilità: un fa…

Un nuovo farmaco sperim…

Alzheimer: messo a punto nuovo t…

[caption id="attachment_6…

Gravi disturbi del sonno e la re…

[caption id="attachment_8…

Tumori del colon: 234 sono i gen…

I geni coinvolti nello sv…

Onde d'urto stimolano la produzi…

Il trattamento con on…

Calcoli alla colecisti, un probl…

Calcoli alla colecisti, u…

Linfomi gravi: la scoperta itali…

Uno studio italiano appen…

Tumore del polmone: un gene, se …

[caption id="attachment_7…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antivirale naturale estratto dall’Acerola

L’estratto di Acerola, nome comune della Malpighia punicifolia, potrebbe essere un rimedio naturale per rinforzare il sistema immunitario e tenere a bada le infezioni virali.acerola Arrivano dall’Osservatorio Aiipa, l’Associazione Italiana Industrie prodotti Alimentari, nuove notizie sulle proprietà medicinali di questo arbusto che può raggiungere fino ai 4 metri di altezza, cresce nei paesi a clima temperato caldo ed è coltivato soprattutto nel nord del Brasile.

L’Acerola ha un frutto ovale di colore rosso intenso e dalla buccia sottile, simile alle ciliegie, anche se appartiene a tutt’altra specie. E proprio dai suoi frutti maturi, privi di nocciolo, si ricava un succo che viene concentrato e nebulizzato, fino ad ottenere un estratto ad altissimo contenuto di acido ascorbico, ossia la famosa vitamina C (fino al 25%).


 “La letteratura scientifica evidenzierebbe un’attività antivirale e di stimolo al sistema immunitario in quanto aumenta l’attività fagocitaria dei leucociti e favorisce lo sviluppo dei linfociti”, spiega Antonello Sannia, Presidente della Società di Medicina Naturale. Ma non solo. “L’Acerola, particolarmente ricca di polifenoli, come i flavonoidi – aggiunge Sannia – e di antocianidine, vanta anche proprietà antiossidanti e favorisce un assorbimento più rapido del ferro dall’intestino”.

“In associazione con vitamina A, vitamina E e selenio, questo estratto è molto utile” – aggiunge Sannia. “Le cellule del sistema immunitario hanno bisogno di molta vitamina C per funzionare bene, e ne consumano parecchia durante le infezioni batteriche e virali. Pertanto in presenza di questi disturbi è importante un buon rifornimento di vitamina C”. Siccome le riserve di vitamina C si esauriscono molto rapidamente sotto sforzo, la sua integrazione è importante. “La dose giornaliera consigliata – afferma l’esperto – è di 40-50 mg per i bambini e 60-80 mg per gli adulti”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x