Diagnosi cancro: gli scienziati …

Ricercatori in Francia e …

Tumore al seno: la risonanza mag…

IL novanta per cento dei …

HTA: a Bari il programma di form…

Bari, 13 Settembre – Gest…

Colesterolo: lo degrada un actin…

[caption id="attachment_7…

Sindrome metabolica: quando si m…

Per la salute, quando si …

Mastectomia: le staminali impieg…

Non è un trauma che lasci…

Doppel: la proteina dai due volt…

[caption id="attachment_1…

#Marijuana: poche evidenze posit…

Nonostante l'uso terapeut…

Il processo di generazione di nu…

[caption id="attachment_2…

Abbronzatura: in grado di produr…

Il Sole e' come una droga…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Antivirale naturale estratto dall’Acerola

L’estratto di Acerola, nome comune della Malpighia punicifolia, potrebbe essere un rimedio naturale per rinforzare il sistema immunitario e tenere a bada le infezioni virali.acerola Arrivano dall’Osservatorio Aiipa, l’Associazione Italiana Industrie prodotti Alimentari, nuove notizie sulle proprietà medicinali di questo arbusto che può raggiungere fino ai 4 metri di altezza, cresce nei paesi a clima temperato caldo ed è coltivato soprattutto nel nord del Brasile.

L’Acerola ha un frutto ovale di colore rosso intenso e dalla buccia sottile, simile alle ciliegie, anche se appartiene a tutt’altra specie. E proprio dai suoi frutti maturi, privi di nocciolo, si ricava un succo che viene concentrato e nebulizzato, fino ad ottenere un estratto ad altissimo contenuto di acido ascorbico, ossia la famosa vitamina C (fino al 25%).


 “La letteratura scientifica evidenzierebbe un’attività antivirale e di stimolo al sistema immunitario in quanto aumenta l’attività fagocitaria dei leucociti e favorisce lo sviluppo dei linfociti”, spiega Antonello Sannia, Presidente della Società di Medicina Naturale. Ma non solo. “L’Acerola, particolarmente ricca di polifenoli, come i flavonoidi – aggiunge Sannia – e di antocianidine, vanta anche proprietà antiossidanti e favorisce un assorbimento più rapido del ferro dall’intestino”.

“In associazione con vitamina A, vitamina E e selenio, questo estratto è molto utile” – aggiunge Sannia. “Le cellule del sistema immunitario hanno bisogno di molta vitamina C per funzionare bene, e ne consumano parecchia durante le infezioni batteriche e virali. Pertanto in presenza di questi disturbi è importante un buon rifornimento di vitamina C”. Siccome le riserve di vitamina C si esauriscono molto rapidamente sotto sforzo, la sua integrazione è importante. “La dose giornaliera consigliata – afferma l’esperto – è di 40-50 mg per i bambini e 60-80 mg per gli adulti”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi