Cancro al seno: aspirina e ibupr…

Ibuprofene e Aspirina sem…

Nuovo approccio per la terapia a…

[caption id="attachment_1…

Perché il corpo femminile ha un …

Il feto e la placenta so…

AIDS: è in arrivo un farmaco uni…

La pillola unica contro i…

Ictus: limitarne i danni, agendo…

Nuove ricerche pubblicate…

Aglio invecchiato: il migliore p…

L’aglio in fase di germin…

Pollini: potrebbero diventare pr…

I pollini, problema annua…

Reflusso gastroesofageo: dei mag…

Le persone che soffrono d…

Memoria e capacità cognitive: il…

Secondo un nuovo studio i…

Al via la fase finale della sper…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AssoGenerici: “Soddisfazione per la mediazione sulla norma relativa alla prescrizione per principio attivo”

Roma, 4 dicembre 2012 – AssoGenerici manifesta soddisfazione per la mediazione fatta in Senato sulla norma relativa alla prescrizione per principio attivo e si complimenta con il Ministro Balduzzi per non aver ceduto alle pressioni, tanto insistenti quanto scorrette, dell’industria brand.

L’unico punto su cui si registra la perplessità di AssoGenerici riguarda l’abrogazione dell’obbligo di mantenimento di un differenziale di prezzo fra brand e generico per nove mesi a partire dal lancio del generico sul mercato.

“La norma, introdotta nel 2009” – spiega Giorgio Foresti, presidente di AssoGenerici – “aveva lo scopo di dare una possibilità di competere al nuovo entrante nel mercato per compensare la notorietà del brand che era stato monopolista per vent’anni. Motivo per cui ci riserviamo di valutare l’impatto di questo cambiamento sul mercato e le relative ricadute per il nostro settore. Sarà il mercato stesso ad autoregolarsi e staremo a vedere cosa succede”.

AssoGenerici prende atto che, ancora una volta si cerca, almeno sulla carta, di favorire aziende che comunque sono destinate a veder contrarre il loro business non a causa della prescrizione per principio attivo ma a causa della persistente mancanza di strategie industriali serie, che non siano lo sfruttamento del co-marketing e delle rendite di posizione ma la ricerca, per avere prodotti innovativi da immettere sul mercato.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi