Favismo: ricerca Telethon trova …

Un sorprendente link gene…

Te' verde: sempre più numerosi g…

[caption id="attachment_3…

Piastrine sintetiche per fermare…

Piatrine sintetiche in gr…

Sapone contaminato aumenta caric…

Se si usa un sapone cont…

Sclerosi laterale Amiotrofica: v…

[caption id="attachment_3…

Cancro al cervello nei bambini: …

Ricercatori dell'Accademi…

Linfoma a basso grado di maligni…

"Nuovi farmaci nel tratta…

Marijuana: potrebbe essere la mo…

E' una molecola che si ch…

[ADUC]Cellule staminali contro l…

Ha la pelle rosa, grinzos…

Da domani a sabato 29, Verona os…

27 -29 novembre 2014 Ver…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

AssoGenerici: “Soddisfazione per la mediazione sulla norma relativa alla prescrizione per principio attivo”

Roma, 4 dicembre 2012 – AssoGenerici manifesta soddisfazione per la mediazione fatta in Senato sulla norma relativa alla prescrizione per principio attivo e si complimenta con il Ministro Balduzzi per non aver ceduto alle pressioni, tanto insistenti quanto scorrette, dell’industria brand.

L’unico punto su cui si registra la perplessità di AssoGenerici riguarda l’abrogazione dell’obbligo di mantenimento di un differenziale di prezzo fra brand e generico per nove mesi a partire dal lancio del generico sul mercato.

“La norma, introdotta nel 2009” – spiega Giorgio Foresti, presidente di AssoGenerici – “aveva lo scopo di dare una possibilità di competere al nuovo entrante nel mercato per compensare la notorietà del brand che era stato monopolista per vent’anni. Motivo per cui ci riserviamo di valutare l’impatto di questo cambiamento sul mercato e le relative ricadute per il nostro settore. Sarà il mercato stesso ad autoregolarsi e staremo a vedere cosa succede”.

AssoGenerici prende atto che, ancora una volta si cerca, almeno sulla carta, di favorire aziende che comunque sono destinate a veder contrarre il loro business non a causa della prescrizione per principio attivo ma a causa della persistente mancanza di strategie industriali serie, che non siano lo sfruttamento del co-marketing e delle rendite di posizione ma la ricerca, per avere prodotti innovativi da immettere sul mercato.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!