Influenza: conoscere e interveni…

[caption id="attachme…

Stimolazione ovarica in età avan…

I farmaci per la stimolaz…

Autismo, a sei mesi già visibile…

Da un nuovo studio basat…

Melanoma "immunoscore", tecnica …

La lotta al melanoma pass…

Veleno delle api è il nuovo "bot…

Il veleno delle api. E' …

Un collegamento tra il morbo di …

[caption id="attachment_1…

Morbo di Lou Gehrig: nuovo fatto…

[caption id="attachment_9…

SLA: Ricerca congiunta Italia-US…

Nuova luce sulle cause de…

Tumori: stesse cellule malate, m…

Da tempo la comunita' sc…

Opsine per attivare neuroni con …

Un ampio screening geneti…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Anoressia: possibile legame scoperto con alterazioni cerebrali

Nelle persone che soffrono di anoressia alcune connessioni che permettono al cervello di elaborare e interpretare le immagini risultano alterate.alterazioni_cerebrali
Secondo una ricerca tedesca, questa alterazioni sarebbero alla base della percezione stravolta della dimensione del proprio corpo tipica degli anoressici. I ricercatori hanno dimostrato che piu’ deboli sono queste connessioni cerebrali, maggiore sara’ l’alterazione del giudizio sul proprio corpo. Lo studio e’ stato condotto da Boris Suchan (Ruhr-Universitat), Dietrich Gronemeyer (University of Witten-Herdecke) e Silja Vocks (University of Osnabruck).


La ricerca e’ stata pubblicata sulla rivista Behavioural Brain Research. Le regioni cerebrali analizzate sono il giro fusiforme e l’area extrastriata del corpo: aree del cervello fondamentali per la percezione del proprio corpo. I ricercatori hanno analizzato la funzionalita’ e le connessioni tra queste due regioni in dieci donne anoressiche e quindici donne sane attraverso la risonanza magnetica. I risultati hanno dimostrato che le donne anoressiche che tendono a vedersi grasse e in sovrappeso anche quando sono chiaramente sottopeso posseggono connessioni deboli tra queste due aree cerebrali. Piu’ debole e’ la connessione, inoltre, maggiore e’ la percezione alterata di essere in sovrappeso. (AGI) .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi