Ossitocina, l'ormone intelligent…

[caption id="attachment_8…

Epatite autoimmune comune: scien…

Un team di scienziati ha …

FIMP - Dermatite atopica in età …

La FIMP: “C’è bisogno di …

Zanzare: il gene delle antenne c…

A scoprirlo è stato un te…

Tumori al cervello, una nuova te…

Le metastasi al cervello,…

Combattere il cancro riprogramma…

Il sistema di editing gen…

Diabete: sport e attività fisica…

In occasione della Giorna…

Sarcomi dei tessuti molli ad alt…

Straordinari risultati di…

Mammografia: in grado di dimezza…

Vincere il cancro del sen…

Utilizzo farmaci negli allevamen…

L'aggiunta sistematica di…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: in età avanzata responsabile del degrado facoltà cognitive

La depressione che si manifesta molto avanti nell’eta’ aumenta il rischio di demenza.degrado_cognitivo La ricerca dell’Universita’ di Amsterdam e’ stata pubblicata sulla rivista Archives of Neurology. Gli studiosi hanno scoperto che la depressione, oltre i 65 anni di eta’, ha una correlazione con la comparsa di sintomi di lieve peggioramento cognitivo e aumenta il rischio di ammalarsi di demenza.


I ricercatori hanno coinvolto nello studio 2.160 soggetti. ”Abbiamo scoperto che la depressione era legata a un maggiore rischio di lieve peggioramento cognitivo e di demenza”, ha spiegato Edo Richard, che ha condotto lo studio. Una depressione di base era associata con prevalente lieve peggioramento cognitivo e con demenza indicente, ma non con lieve peggioramento cognitivo incidente. I pazienti con una coesistente depressione e lieve peggioramento cognitivo avevano anche un piu’ alto rischio di progresso verso la demenza, soprattutto verso la demenza vascolare, ma non verso l’Alzheimer. (AGI) .

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi