Metastasi tumorali: creato un mi…

Uno degli aspetti più per…

Insetti e il segreto muscolare d…

Per il battito d'ali …

Parkinson: individuata una nuova…

Una nuova forma del morbo…

Obesità infantile: un gene manca…

Un 'buco' nel Dna puo' sc…

Malattie epatiche: l'ormone grel…

[caption id="attachment_6…

Linfoma: un gene chiave implicat…

I risultati di una nuova …

Il modello genomico del lievito …

Attraverso l'analisi dell…

L'Oms da Ginevra: "Renderemo not…

I ventidue esperti dell'O…

I COLORI DELLA SPERANZA: dal 3 n…

Dal 3 al 25 novembre 2017…

Lonquex® (XM22 lipegfilgrastim) …

Il parere positivo del …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: in età avanzata responsabile del degrado facoltà cognitive

La depressione che si manifesta molto avanti nell’eta’ aumenta il rischio di demenza.degrado_cognitivo La ricerca dell’Universita’ di Amsterdam e’ stata pubblicata sulla rivista Archives of Neurology. Gli studiosi hanno scoperto che la depressione, oltre i 65 anni di eta’, ha una correlazione con la comparsa di sintomi di lieve peggioramento cognitivo e aumenta il rischio di ammalarsi di demenza.


I ricercatori hanno coinvolto nello studio 2.160 soggetti. ”Abbiamo scoperto che la depressione era legata a un maggiore rischio di lieve peggioramento cognitivo e di demenza”, ha spiegato Edo Richard, che ha condotto lo studio. Una depressione di base era associata con prevalente lieve peggioramento cognitivo e con demenza indicente, ma non con lieve peggioramento cognitivo incidente. I pazienti con una coesistente depressione e lieve peggioramento cognitivo avevano anche un piu’ alto rischio di progresso verso la demenza, soprattutto verso la demenza vascolare, ma non verso l’Alzheimer. (AGI) .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi