Antibatterico di saponi e collut…

Si può trovare nel sapone…

Scoperta una proteina indispensa…

Un team di scienziati del…

La Federazione degli Ordini non …

Roma, 5 luglio 2013 - Dal…

Influenza: i bambini sotto i 4 a…

La stagione influenzale …

Calcoli alla colecisti, un probl…

Presso l’Ospedale San G…

Obesità: USA avanti con le cure,…

"La scelta dell'Assoc…

L’industria farmaceutica italian…

Milano, 6 luglio 2015 – L…

Stress, ansia e depressione: ide…

[caption id="attachment_6…

Gravidanza: la voce della mamma …

Per i neonati prematuri a…

L'altruismo dei batteri: autenti…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: in età avanzata responsabile del degrado facoltà cognitive

La depressione che si manifesta molto avanti nell’eta’ aumenta il rischio di demenza.degrado_cognitivo La ricerca dell’Universita’ di Amsterdam e’ stata pubblicata sulla rivista Archives of Neurology. Gli studiosi hanno scoperto che la depressione, oltre i 65 anni di eta’, ha una correlazione con la comparsa di sintomi di lieve peggioramento cognitivo e aumenta il rischio di ammalarsi di demenza.


I ricercatori hanno coinvolto nello studio 2.160 soggetti. ”Abbiamo scoperto che la depressione era legata a un maggiore rischio di lieve peggioramento cognitivo e di demenza”, ha spiegato Edo Richard, che ha condotto lo studio. Una depressione di base era associata con prevalente lieve peggioramento cognitivo e con demenza indicente, ma non con lieve peggioramento cognitivo incidente. I pazienti con una coesistente depressione e lieve peggioramento cognitivo avevano anche un piu’ alto rischio di progresso verso la demenza, soprattutto verso la demenza vascolare, ma non verso l’Alzheimer. (AGI) .

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x