Lo spermatozoo che incontra l'ov…

Scienziati Usa fotografan…

Diabete di tipo 1: dal vaccino a…

Una nuova arma per la cur…

AIDS: un antibiotico insieme a a…

[caption id="attachment_6…

Il segreto della resistenza dell…

Secondo lo studio, sarebb…

AIFA: vaccini rivoluzionari, i p…

Un decennio per ottenere …

Identificato un nuovo gene respo…

[caption id="attachment_5…

Morbo di Parkinson: nuova cura c…

Una nuova terapia, che si…

USA: protesi addio. Per il 90% d…

Roma, 21 febbraio 201…

Globuli rossi da cellule stamina…

[caption id="attachment_8…

Inaspettata efficacia di un anti…

L'antidepressivo, noto c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: in età avanzata responsabile del degrado facoltà cognitive

La depressione che si manifesta molto avanti nell’eta’ aumenta il rischio di demenza.degrado_cognitivo La ricerca dell’Universita’ di Amsterdam e’ stata pubblicata sulla rivista Archives of Neurology. Gli studiosi hanno scoperto che la depressione, oltre i 65 anni di eta’, ha una correlazione con la comparsa di sintomi di lieve peggioramento cognitivo e aumenta il rischio di ammalarsi di demenza.


I ricercatori hanno coinvolto nello studio 2.160 soggetti. ”Abbiamo scoperto che la depressione era legata a un maggiore rischio di lieve peggioramento cognitivo e di demenza”, ha spiegato Edo Richard, che ha condotto lo studio. Una depressione di base era associata con prevalente lieve peggioramento cognitivo e con demenza indicente, ma non con lieve peggioramento cognitivo incidente. I pazienti con una coesistente depressione e lieve peggioramento cognitivo avevano anche un piu’ alto rischio di progresso verso la demenza, soprattutto verso la demenza vascolare, ma non verso l’Alzheimer. (AGI) .

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x