Melanomi: un raggio laser per lo…

[caption id="attachment_6…

La Procura di Torino indaga la S…

Somministrazione di farma…

Elisir di giovinezza nel proprio…

[caption id="attachment_5…

Campania. Gestione integrata del…

In questi giorni a Napoli…

UE e Libia sviluppano strategia …

  [caption id="attachm…

Dompé annuncia la designazione d…

Il candidato farmaco…

Ancora il naso elettronico per '…

[caption id="attachment_8…

Travaglio: induzione prematura m…

L’uso di favorire o ind…

Fibrosi dei tessuti: piccola pro…

Una piccola proteina chia…

Emicrania: legata ad una mutazio…

Identificata una muta…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Depressione: in età avanzata responsabile del degrado facoltà cognitive

La depressione che si manifesta molto avanti nell’eta’ aumenta il rischio di demenza.degrado_cognitivo La ricerca dell’Universita’ di Amsterdam e’ stata pubblicata sulla rivista Archives of Neurology. Gli studiosi hanno scoperto che la depressione, oltre i 65 anni di eta’, ha una correlazione con la comparsa di sintomi di lieve peggioramento cognitivo e aumenta il rischio di ammalarsi di demenza.


I ricercatori hanno coinvolto nello studio 2.160 soggetti. ”Abbiamo scoperto che la depressione era legata a un maggiore rischio di lieve peggioramento cognitivo e di demenza”, ha spiegato Edo Richard, che ha condotto lo studio. Una depressione di base era associata con prevalente lieve peggioramento cognitivo e con demenza indicente, ma non con lieve peggioramento cognitivo incidente. I pazienti con una coesistente depressione e lieve peggioramento cognitivo avevano anche un piu’ alto rischio di progresso verso la demenza, soprattutto verso la demenza vascolare, ma non verso l’Alzheimer. (AGI) .

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x