Nuova SARS: molecola impedisce l…

Alcuni scienziati della F…

Sindrome premestruale, il proble…

Alla base della sindrome …

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

Cancro al fegato: vaccino vaiolo…

- Un farmaco ottenuto d…

Schizofrenia: farmaco sperimenta…

Un farmaco antitumorale s…

Nei mancini il rischio psicosi è…

Una brutta notizia per i …

Cancro al fegato: sperimentata u…

Bloccare il nutrimento al…

Sclerosi Multipla e CCSVI: al vi…

È partito anche a Reggio …

SLA: nuovi studi sul gene FUS, e…

Gli aggregati proteici ti…

Dal CHMP una misura di cautela …

Roma, 26 gennaio 2015 - I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Perossido d’idrogeno è in grado di contrastare superbatteri ‘di corsia’

Il perossido d’idrogeno, anche noto come acqua ossigenata, potrebbe essere un’arma efficace contro i superbatteri ospedalieri. H2O2A dirlo, uno studio del The Johns Hopkins Hospital pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases, che ha scoperto che una combinazione di dispositivi simil-robotici che disperdono questo agente disinfettante e’ altamente efficace nel fermare e prevenire lo sviluppo di batteri multi-resistenti, anche detti superbatteri ospedalieri. La ricerca documenta l’uso di vaporizzatori di perossido d’idrogeno, impiegati per la prima volta in molti ospedali di Singapore durante l’emergenza Sars del 2002 e anche dal governo Usa per contrastare gli attacchi di antrace.


Nello studio, gli scienziati hanno utilizzato in singole stanze ospedaliere alcuni apparecchi che ricoprivano di u sottile strato di perossido d’idrogeno praticamente tutte le superfici, dai muri, alle pareti alle apparecchiature mediche. I risultati hanno mostrato una riduzione del 64 per cento nel numero di pazienti che successivamente sono stati contaminati da comuni organismi resistenti ai farmaci. Inoltre, gli scienziati hanno anche rilevato una protezione generale della infezioni.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi