La crisi occupazionale rende ind…

Roma, 23 ottobre 2014- “E…

Alcol: sistema immunitario indeb…

[caption id="attachme…

[Assobiotech] I vaccini a DNA: u…

Dall'ingegneria genet…

Radiologia del terzo millennio: …

E' nata la radiologia del…

Il sole è pericolo per chi ha ta…

Spesso sottovalutato, il …

Stesso virus della passata stagi…

I SONDAGGI* DI WWW.OSSERV…

Fase sperimentale di un farmaco …

[caption id="attachment_5…

Genetica: sono i telomeri l'orac…

I telomeri possono effett…

Nobel 2014 Medicina e coniugi Mo…

I coniugi norvegesi Edvar…

Ictus: la gravidanza può essere …

I casi di ictus legato al…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Perossido d’idrogeno è in grado di contrastare superbatteri ‘di corsia’

Il perossido d’idrogeno, anche noto come acqua ossigenata, potrebbe essere un’arma efficace contro i superbatteri ospedalieri. H2O2A dirlo, uno studio del The Johns Hopkins Hospital pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases, che ha scoperto che una combinazione di dispositivi simil-robotici che disperdono questo agente disinfettante e’ altamente efficace nel fermare e prevenire lo sviluppo di batteri multi-resistenti, anche detti superbatteri ospedalieri. La ricerca documenta l’uso di vaporizzatori di perossido d’idrogeno, impiegati per la prima volta in molti ospedali di Singapore durante l’emergenza Sars del 2002 e anche dal governo Usa per contrastare gli attacchi di antrace.


Nello studio, gli scienziati hanno utilizzato in singole stanze ospedaliere alcuni apparecchi che ricoprivano di u sottile strato di perossido d’idrogeno praticamente tutte le superfici, dai muri, alle pareti alle apparecchiature mediche. I risultati hanno mostrato una riduzione del 64 per cento nel numero di pazienti che successivamente sono stati contaminati da comuni organismi resistenti ai farmaci. Inoltre, gli scienziati hanno anche rilevato una protezione generale della infezioni.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!