In stato vegetativo, ma 'rispond…

[caption id="attachment_5…

Diabete di tipo 2: scoperto lega…

Scoperta associazione tr…

Le strategie segrete dei batteri…

[caption id="attachment_7…

Carenza di ferro nel sangue aume…

Una carenza di ferro nell…

Fibrillazione atriale: il cuore …

[caption id="attachment_7…

Stress genotossico: quando i cap…

[caption id="attachment_1…

Botox, spesso motivo di depressi…

Lo studio dell'Universi…

Cellule intestinali da staminali…

E' la prima volta che si …

Stress: identificata proteina ge…

Ricercatori dell'Universi…

Leucemia linfoblastica acuta: un…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Acque minerali non sempre più sicure dell’acqua di rubinetto

L’acqua in bottiglia costa sostanzialmente di piu’ dell’acqua di rubinetto ma non e’ piu’ sicura.acqua_minerale Almeno questo e’ quello che sostengono alcuni ricercatori della Glasgow University che spiegano che le acque in bottiglia sono soggette a una varieta’ di test di sicurezza meno stringenti e hanno una maggiore probabilita’, rispetto all’acqua di rubinetto, di essere contaminate o di diventare sorgente d’infezione. Mentre l’acqua del rubinetto e’ sottoposta ogni giorno a un regime ispettivo rigoroso, i produttori di acqua in bottiglia sono tenuti a effettuare test mensilmente alla fonte.Inoltre, l’acqua del rubinetto contiene tracce di cloro che prevengono la diffusione di batteri dannosi. Una bottiglia d’acqua a volte rimane, dopo l’apertura, per molti giorni in balia dei microrganismi, e non e’ detto che resti sterile e che si possa ancora bere. ”C’e’ una maggiore probabilita’ che si possa trovare qualcosa di nocivo nell’acqua in bottiglia piuttosto che in quella del rubinetto”, ha spiegato Paul Younger, autore del libro ”Water: All That Matters” .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!