Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Acque minerali non sempre più sicure dell’acqua di rubinetto

L’acqua in bottiglia costa sostanzialmente di piu’ dell’acqua di rubinetto ma non e’ piu’ sicura.acqua_minerale Almeno questo e’ quello che sostengono alcuni ricercatori della Glasgow University che spiegano che le acque in bottiglia sono soggette a una varieta’ di test di sicurezza meno stringenti e hanno una maggiore probabilita’, rispetto all’acqua di rubinetto, di essere contaminate o di diventare sorgente d’infezione. Mentre l’acqua del rubinetto e’ sottoposta ogni giorno a un regime ispettivo rigoroso, i produttori di acqua in bottiglia sono tenuti a effettuare test mensilmente alla fonte.Inoltre, l’acqua del rubinetto contiene tracce di cloro che prevengono la diffusione di batteri dannosi. Una bottiglia d’acqua a volte rimane, dopo l’apertura, per molti giorni in balia dei microrganismi, e non e’ detto che resti sterile e che si possa ancora bere. ”C’e’ una maggiore probabilita’ che si possa trovare qualcosa di nocivo nell’acqua in bottiglia piuttosto che in quella del rubinetto”, ha spiegato Paul Younger, autore del libro ”Water: All That Matters” .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!