Lampade a basso consumo energeti…

Anche se utili all'ambien…

Botulino: l'impiego della tossin…

Il botulino e' l'interven…

“Contro il diabete gioco d’antic…

I gap da colmare riguarda…

Alzheimer in età giovanile: sott…

Le statistiche dimostrano…

DOLORE & QUALITÀ DI VITA In un …

DOLORE & QUALITÀ DI V…

HIV: virus con serbatoi di mater…

Il serbatoio di virus ina…

Diabete: scoperta interazione tr…

Un team di scienziati del…

Ragadi anali: un disturbo doloro…

[caption id="attachment_5…

Emergenza Epatite C: quale progr…

Presentata oggi al Minist…

Alzheimer: micro-stimolazioni ce…

Recenti studi sperimental…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Herpes labiale: arriva un gel a base di trigliceridi vegetali

Un gel di origine vegetale contro l’herpes labiale. È in corso in Francia la sperimentazione di un preparato a base di trigliceridi di origine vegetale, chiamato CS20, che si propone come alternativa agli antivirali applicati localmente.Herpes_Virus Nessun farmaco, quindi, ma una maggior rapidità di risposta e soprattutto un maggior sollievo da quei fastidi tipici dell’herpes, dolore e pizzicore. L’unico punto a sfavore, rispetto a principi attivi come l’aciclovir, è che il gel non sembra prevenire le recidive.

I trattamenti sono stati somministrati sulla mucosa delle labbra e la risposta è stata valutata assegnando un punteggio di intensità a 4 sintomi tipici: dolore, bruciore, prurito e pizzicore. Merito del sottile film protettivo con cui il gel ricopre la tumefazione, riducendo la perdita dei liquidi causati dall’infiammazione e accelerando la penetrazione della sostanza curativa nell’epidermide lesionata.

Il gel sarà presto in commercio. “Con il CS20 il punteggio complessivo è migliorato già dopo il primo giorno di applicazione locale, mentre con l’antivirale di confronto ci è voluta una settimana buona. Il bruciore si riduceva dopo un paio di giorni sia con il gel sia con l’aciclovir, ma l’intensità dell’effetto era più marcata con il primo. Lo stesso valeva per il dolore. Anche le alterazioni cutanee regredivano con maggiore rapidità”, spiega Jean-Paul Ortonne, il dermatologo che sta guidando la sperimentazione in Francia e i cui primi promettenti risultati sono pubblicati sulla rivista Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: