Merck Serono completa l'arruolam…

Merck Serono completa l…

Cocaina: potrebbe essere una pre…

I risultati dello studio …

Tumore al seno: anche prima dei …

Una nuova analisi condott…

Vitiligine: efficace l'autotrapi…

[caption id="attachment_6…

Fu il plancton a contribuire sos…

Il plancton fornì un cont…

Fibromialgia: terapia psicologic…

Un intervento psicologico…

Ecolocalizzazione: potremmo vede…

[caption id="attachment_1…

Journal of Clinical Oncology: l’…

La pubblicazione, su un…

AiDS: un farmaco anti-rigetto st…

Una nuova ricerca pubblic…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Con asma e broncopneumopatia cronico ostruttiva la sanità italiana rischia un collasso

Nel precario panroma della sanità italiana è il settore delle malattie respiratorie a soffrire più degli altri del pesante taglio delle strutture e dei loro mezzi. bpcoLa denuncia arriva dal 16° Congresso Nazionale “Asma Bronchiale e BPCO – Strategie per la Governanc”e di Verona, organizzato per promuovere il dialogo e il confronto attivo fra gli esponenti delle Istituzioni Sanitarie e quelli della Medicina, specialistica e non, sulle future politiche strategiche intema di Medicina Respiratoria.

L’argomento è di forte interesse sia per il Servizio Sanitario Nazionale, sia per la popolazione. In Italia, infatti, asma e broncopneuopatia cronico ostruttiva (Bpco) costano allo Stato circa 14 miliardi di euro all’anno. Ogni anno la prima è causa di 495 decessi e condiziona pesantemente l’attività lavorativa, il rendimento scolastico e lo stile di vita di chi ne è affetto. La Bpco colpisce, invece, tra l’8 e il 12% della popolazione adulta, soprattutto I fumatori, che nel 20-40% dei casi raggiungono la malattia conclamata e devono avere a che fare con una maggiore incidenza di complicanze cardiovascolari.

“E’ paradossale – sottolinea Roberto Dal Negro, direttore scientifico del Centro Nazionale Studi di Farmacoeconomia e Farmacoepidemiologia Respiratoria e organizzatore del congresso – che, nonostante il continuo aumento di casi e gravità, queste strutture specialistiche subiscano sempre più tagli, a favore di un contenitore aspecifico di una medicina tuttologica”. In un appello lanciato alle istituzioni gli specialisti prevedono “un peggioramento delle condizioni per strutture e cittadino”. Lo scenario ipotizzato si compone di Unità Operative Pneumologiche smantellate, ridimensionamento e avvilimento della specialità medica, diagnosi precoce a rischio e ingolfamento dei Pronto Soccorso.

Per evitare questa situazione, conclude dal Negro, “abbiamo deciso di invitare le autorità ed i responsabili del Settore Sanitario Nazionale per creare nuove strategie e nuove forme di collaborazioni per risollevare il settore delle malattie respiratorie. E se non dovessimo riuscirci, prepariamoci ad un ulteriore aggravamento, che comporterà costi sempre più alti che non potranno più essere supportati dall’economia italiana”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!