All'insonnia è legata la mortali…

La persistente mancanza d…

Metodo Stamina: le basi su cui s…

Il metodo Stamina, messo …

Piede del diabetico: all'ICCSS M…

Diretto dal professor C…

HIV: bastera' amplificare arma s…

[caption id="attachment_1…

Tumori: nuove tecniche per non p…

Con le nuove procedure e'…

La quinta bambina al mondo nata …

Roma, 30 ottobre 2009 - F…

Epatite C: farmaco per eradicarl…

Un anno dopo l'approvazio…

Infarto: al San Raffaele si è sc…

[caption id="attachme…

Scienziati sequenziano il genoma…

[caption id="attachment_6…

Influenza A: ogni anno vaccino d…

-Il vaccino contro l'infl…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Melanoma: arriva in Italia anticorpo monoclonale in grado di combatterlo

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il via libera dell’AIFA alla rimborsabilita’ di ipilimumab in classe H nei pazienti con melanoma avanzato (non operabile o metastatico) pretrattato. melanomaIl provvedimento rende disponibile in Italia ipilimumab, la prima terapia ad aver dimostrato un vantaggio della sopravvivenza a lungo termine in circa un quarto dei pazienti. Sviluppato da Bristol-Myers Squibb, il nuovo anticorpo monoclonale stimola il sistema immunitario a distruggere le cellule cancerogene con una durata di trattamento di sole quattro dosi.

”Accogliamo con soddisfazione il riconoscimento di importante innovazione terapeutica per ipilimumab che, dopo 30 anni, rappresenta il primo avanzamento per il trattamento dei pazienti con melanoma metastatico”, ha affermato Davide Piras, Presidente e Amministratore Delegato di Bristol-Myers Squibb. Ipilimumab e’ un anticorpo monoclonale interamente umano che agisce in modo innovativo, stimolando il sistema immunitario dell’organismo a combattere il melanoma. Nello studio clinico registrativo di fase III su ipilimumab, pubblicato nel New England Journal of Medicine, i tassi di sopravvivenza a uno e due anni per i pazienti trattati con ipilimumab in monoterapia erano, rispettivamente, del 46% e 24%, quasi il doppio rispetto al braccio di controllo, con alcuni pazienti vivi dopo tre e quattro anni.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi