Melagrana: frutto dei benefici p…

[caption id="attachment_1…

Demenza: confermato il legame co…

La carenza di vitamina D …

Cordone ombelicale: tagliarlo du…

Stabilita la tempistica i…

Quando il dolore cronico altera …

[caption id="attachment_7…

Super-colazione promossa, per al…

Una colazione ben nut…

Tavola a festa, ma anti-cancro

[caption id="attachment_1…

Identificata all’Istituto Gaslin…

[caption id="attachment_1…

Interazioni geni - ambiente: equ…

[caption id="attachment_1…

La crescita dei neuroni motori c…

[caption id="attachment_9…

I Raggi 'X' che rendono piu' eff…

Dalla collaborazione tra …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’importanza del buon sonno per una non-alterazione dei geni.

I geni devono riposare, e se il riposo non è sufficiente rischiamo di…alterarli.geni
Parola di una ricerca pubblicata sulla rivista Pnas dagli studiosi dell’Università del Surrey, in Gran Bretagna. Privare 26 persone del sonno per 7 giorni, costringendole a dormire non più di 6 ore per notte, tenerli svegli altre 40 ore, analizzando di continuo lo stato del Dna. Risultato: circa 700 geni modificati dalla mancanza di riposo. In particolare, lo stato di veglia prolungato manda in tilt i geni che controllano metabolismo e livelli di stress e quelli che controllano la fame o, per esempio, la temperatura interna dell’organismo e lo scambio di liquidi. Insomma, un vero disastro biologico causato da troppe ore perse di sonno. Anche per questo si ingrassa, spiegano i ricercatori.

Lo studio – I ricercatori hanno arruolato 26 persone in salute sottoposte alla dieta del sonno, 7 giorni a 6 ore, e un altro gruppo di controllo che invece doveva dormire anche 10 ore per notte. I “forzati” della veglia sono stati anche obbligati a 40 ore ininterrotte senza sonno. I prelievi del sangue e l’analisi del Dna ha confermato l’effetto della mancanza di sonno sul transcrittoma: 711 geni influenzati e circa 400 che non rispondevano alla normale attività durante il giorno.

Geni svogliati – Senza sonno, il Dna sembra lavorare in maniera meno regolare: in alcuni casi i geni risultano eccitati, in altri deboli e poco attivi. A essere particolarmente influenzati sono i geni che controllano il metabolismo, il senso di fame e di sazietà. Ma un cortocircuito genetico si è dimostrato anche nei geni che controllano il cuore e la circolazione sanguigna.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi