Dispositivi medici in diabetolog…

Secondo gli esperti “è ar…

Medicina rigenerativa: rielabora…

L'ingegneria tissutal…

La vita segreta delle piante rac…

[caption id="attachment_8…

Aneurisma addominale: si previen…

Busto Arsizio (VA), marzo…

Tumori: il fattore di crescita e…

La scarsa risposta al tra…

AIDS: molecole HLA-C permettono …

Dopo essere stati infetta…

Cancro ai polmoni: moderate dosi…

Nuovi scenari dalla ricer…

Il gene Notch: un terzo dei tumo…

MILANO - Si chiama Notch …

Colla delle cozze: allo studio, …

Il segreto del formidabil…

Fumo: studio comprova l'efficaci…

I prodotti sostitutivi …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Asma: scoperta l’efficacia di una nuova molecola

Scoperta una molecola capace di fermare gli attacchi d’asma, riducendo l’infiammazione. lipoxinaSi tratta della lipoxina A4 che svolge un duplice ruolo antinfiammatorio, influenzando due fattori cruciali per l’insorgenza e la risoluzione dell’asma. La molecola agisce, infatti, sia sulle cellule naturali killer – che svolgono un ruolo nella risoluzione delle infiammazioni da asma favorendo la morte cellulare programmata delle cellule immunitarie eosinofili – sia sulle cellule linfoidi innate di tipo 2, che promuovono l’infiammazione delle vie respiratorie attraverso la secrezione dell’interleuchina 13. La scoperta e’ di un nuovo studio del Brigham and Women’s Hospital pubblicato sulla rivista ‘Science Translational Medicine’.


“Fermare un’infiammazione delle vie respiratorie equivale a spegnere un incendio in una foresta”, ha spiegato Bruce Levy, autore dello studio. “I vigili del fuoco combattono gli incendi in due modi: riducono il fuoco con l’acqua e sgombrano il materiale secco che potrebbe alimentarlo. La lipoxina A4 si comporta esattamente cosi’: bagna le vie che incendiano l’infiammazione e allo stesso tempo libera le cellule dal “carburante””. Precedenti studi promossi dallo stesso team hanno dimostrato che le persone che soffrono delle forme piu’ severe di asma producono meno efficacemente la lipoxina A4. “I nuovi risultati accostati ai vecchi ci permetteranno di sviluppare farmaci innovativi di ultima generazione che punteranno sul potenziamento della produzione di questa molecola nei pazienti con asma”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!