I pediatri italiani a Balduzzi: …

Un messaggio chiaro dal c…

Campagna AIFA su uso consapevole…

La Società Italiana di Pe…

Ictus in gravidanza: nuovo studi…

Quello che dovrebbe ess…

La trombosi ai tempi della crisi

La morte più probabile pe…

Dalle vespe un rimedio antibatte…

[caption id="attachment_6…

La simmetria genomica del cromos…

[caption id="attachment_2…

Depressione: scienziati indagano…

Ricercatori francesi hann…

Screening salvavita per il contr…

[caption id="attachme…

L’Azienda Ospedaliera San Camill…

Roma, 9 settembre 2010 – …

Tumori: inaspettate benefiche pr…

Il mondo vegetale riserva…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Asma: scoperta l’efficacia di una nuova molecola

Scoperta una molecola capace di fermare gli attacchi d’asma, riducendo l’infiammazione. lipoxinaSi tratta della lipoxina A4 che svolge un duplice ruolo antinfiammatorio, influenzando due fattori cruciali per l’insorgenza e la risoluzione dell’asma. La molecola agisce, infatti, sia sulle cellule naturali killer – che svolgono un ruolo nella risoluzione delle infiammazioni da asma favorendo la morte cellulare programmata delle cellule immunitarie eosinofili – sia sulle cellule linfoidi innate di tipo 2, che promuovono l’infiammazione delle vie respiratorie attraverso la secrezione dell’interleuchina 13. La scoperta e’ di un nuovo studio del Brigham and Women’s Hospital pubblicato sulla rivista ‘Science Translational Medicine’.


“Fermare un’infiammazione delle vie respiratorie equivale a spegnere un incendio in una foresta”, ha spiegato Bruce Levy, autore dello studio. “I vigili del fuoco combattono gli incendi in due modi: riducono il fuoco con l’acqua e sgombrano il materiale secco che potrebbe alimentarlo. La lipoxina A4 si comporta esattamente cosi’: bagna le vie che incendiano l’infiammazione e allo stesso tempo libera le cellule dal “carburante””. Precedenti studi promossi dallo stesso team hanno dimostrato che le persone che soffrono delle forme piu’ severe di asma producono meno efficacemente la lipoxina A4. “I nuovi risultati accostati ai vecchi ci permetteranno di sviluppare farmaci innovativi di ultima generazione che punteranno sul potenziamento della produzione di questa molecola nei pazienti con asma”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x