I videogames d’azione migliorano…

12 ore di videogiochi val…

E se fossimo tutti provenienti d…

Secondo nuove prove eme…

[6.SIN] Il punto sulla ricerca s…

Prof. Antonio Uccelli…

Tumori: individuata una mutazion…

Individuata la mutazione …

Dipendenze: un nuovo modello neu…

Grazie a un test su topi …

Beneficenza in Italia: ultima tr…

Arriva in Italia il model…

Peperoncino contrasta diabete e …

[caption id="attachme…

Cellule adulte con caratteristic…

I ricercatori del Diparti…

Con il Chronic Care Model il paz…

Progetto Michelangelo, Ra…

Spermatozoi ottenuti da cellule …

Tramite un procedimento c…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

La prima volta dell’antinfluenzale quadrivalente

Per la prima volta l’Agenzia europea per i farmaci, l’Ema, autorizzerà la realizzazione di un vaccino quadrivalente, attivo quindi contro 4 ceppi di virus circolanti dell’influenza stagionale. Il nuovo vaccino affiancherà la versione trivalente (3 ceppi) a partire dalla prossima stagione influenzale 2013/2014. Nel trivalente saranno presenti i tre ceppi A/California/7/2009 (H1N1), A/Victoria/361/2011(H3N2) e B/Massachusetts/2/2012. Nel quadrivalente, oltre a questi tre, ci sara’ anche un altro ceppo del virus di tipo B, il B/Brisbane/60/2008.virus

”La decisione di prevedere anche un vaccino quadrivalente dipende dal fatto che in alcuni Paesi del mondo, in questa stagione influenzale, sono circolati due ceppi del virus B. Circa la composizione del trivalente, i ceppi H1N1 e H3N2 sono gli stessi della stagione 2012-2013, mentre il ceppo B/Massachussetts è leggermente diverso. Quest’anno, infatti, il vaccino proteggeva contro il B-Wisconsin, che è comunque simile”, conferma Gianni Rezza, epidemiologo dell’Istituto superiore di sanità.

I casi di influenza sono ormai in calo, come segnalano i bollettini periodici, anche se quest’anno in molti hanno lamentato di essersi ammalati nonostante il vaccino. Le cifre hanno rispettato le previsioni, diversamente che negli Stati Uniti dove alcune aree, compresa quella di New York, sono state investite da focolai senza precedenti. In Italia particolarmente attivi i virus simil-influenzali, soprattutto norovirus e rotavirus che colpiscono l’intestino e si manifestano con sintomi come nausea, vomito e diarrea.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!