Cannabis: nessuna incidenza sull…

La cannabis non ha al…

Ictus: negli agrumi un aiuto all…

Le donne che mangiano reg…

Miele: rimedio naturale: combatt…

Il rimedio della nonna pe…

A ciascun bambino il suo Natale

I consigli e le raccomand…

Dislessia e disordini cognitivi …

Uno studio pubblicato sul…

Tumori: tanti screening diagnost…

[caption id="attachment_3…

Fumo e cancro della prostata: co…

I fumatori hanno maggiori…

Cervello: mappata la rete neural…

Le mappe complete di esp…

The sound of silence - I suoni d…

[caption id="attachment_5…

Fecondazione eterologa: condizio…

Il Tribunale civile …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Molecola per annientare masse tumorali da caffè, cicoria e cocco

Due studiosi di Urbino hanno individuato nel “maltolo”, una sostanza naturale contenuta nel malto, nella cicoria, nel cocco, nel caffè e in moltissimi altri prodotti naturali, la possibilità di utilizzarlo per lo sviluppo di una nuova classe di molecole con attività antitumorale, in grado di spingere le cellule tumorali a “suicidarsi”. La scoperta, pubblicata sul British Journal of Cancer, ha ottenuto il brevetto nazionale, in attesa di quello internazionale.maltolo

Il maltolo è una molecola utilizzata talvolta come additivo alimentare per il suo aroma e le sue proprietà antiossidanti. Se opportunamente modificata può dare origine a nuove molecole con interessanti proprietà biologiche. Il team guidato da Vieri Fusi, che dirige il Laboratorio di Chimica Supramolecolare dell’Università di Urbino, in collaborazione con Mirco Fanelli del Laboratorio di Patologia Molecolare “PaoLa”, ha scoperto che le molecole contenute nel maltolo, malten e maltonis, sono in grado di “penetrare” all’interno delle cellule in modo da indurre delle alterazioni. La risposta dei geni per eliminare tali alterazioni è quella di spingerle all’apoptosi, la morte cellulare programmata, una sorta di “suicidio” biologico. 

“Tale meccanismo di azione, ad oggi mai osservato in molecole ad azione antineoplastica, è alla base per un potenziale sviluppo di molecole – spiega Fanelli – che possano sfruttare strategie alternative con cui bersagliare le cellule tumorali”. Gli studi sono passati adesso ad una fase sperimentale e in attesa di nuovi approfondimenti, spiega Fusi, “questi composti sembrano essere tollerati in vivo, cosa non scontata e hanno dimostrato interessanti proprietà biologiche inducendo una sensibile riduzione della massa tumorale”

1 comment

  1. Pingback: | ALCASE Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: