Diabete: varianti genetiche inci…

[caption id="attachme…

Decadimento muscolare: scoperta …

[caption id="attachment_6…

Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

Dal CNR: il gene chiave per lo s…

[caption id="attachme…

Cellule staminali tumorali: nuov…

[caption id="attachment_8…

Dalla Ginecologia dell’Ospedale …

Unità Operativa Complessa…

Disfunzione erettile: potrebbe n…

I medici avvertono che sp…

Uveite: che cos'è?

L'uveite è un'infiamm…

Tumori: dal c-MET alla TAC a spi…

L'obbiettivo è il solito:…

Si premia l'eccellenza della ric…

Due giovani scienziate ha…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo: propranololo in grado di migliorare risposta di linguaggio e capacità mnemoniche


Le persone con un disturbi dello spettro autistico (ASD) hanno spesso difficolta’ a comunicare e interagire con gli altri, perche’ elaborano il linguaggio, le espressioni facciali e spunti sociali in modo diverso. In passato, gli scienziati hanno scoperto che il propranololo, un farmaco comunemente usato per trattare pressione alta, ansia e panico, potrebbe migliorare le abilita’ linguistiche e il funzionamento sociale delle persone con Asd.autismo_530 Ora, uno studio della Universita’ del Missouri scopre che questo farmaco potrebbe anche contribuire a migliorare le capacita’ della cosiddetta memoria di lavoro delle persone con autismo. La memoria di lavoro rappresenta la capacita’ di un individuo di di trattenere e manipolare una piccole quantita’ di informazioni per un breve periodo, e permette alle persone di ricordare cose come le direzioni, di completare puzzle e di seguire le conversazioni. La ricerca e’ stata pubblicata sul Journal of the International Neuropsychological Society.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x