Processo formazione virus HIV: o…

Un gruppo di ricercatori …

Merck lancia SPOT My TRIAL, prog…

L’iniziativa prevede …

A Bologna il VII Congresso Nazio…

Nel capoluogo emiliano …

[Aduc]Vaccini: luoghi comuni, bu…

Dal fatto che il morbillo…

Ipersonnia: è un sonnifero che '…

Alcune persone soffrono d…

Tumore dell'ovaio: più informazi…

A Milano incontro pubblic…

Vitamina D non efficace in tutti…

Le carenze di vitamina D…

Ossitocina: l'ormone che rende f…

L’ormone ossitocina potre…

L’aumento della spesa privata in…

La scelta di mettere on-l…

Identificato un metodo per gener…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Autismo: propranololo in grado di migliorare risposta di linguaggio e capacità mnemoniche


Le persone con un disturbi dello spettro autistico (ASD) hanno spesso difficolta’ a comunicare e interagire con gli altri, perche’ elaborano il linguaggio, le espressioni facciali e spunti sociali in modo diverso. In passato, gli scienziati hanno scoperto che il propranololo, un farmaco comunemente usato per trattare pressione alta, ansia e panico, potrebbe migliorare le abilita’ linguistiche e il funzionamento sociale delle persone con Asd.autismo_530 Ora, uno studio della Universita’ del Missouri scopre che questo farmaco potrebbe anche contribuire a migliorare le capacita’ della cosiddetta memoria di lavoro delle persone con autismo. La memoria di lavoro rappresenta la capacita’ di un individuo di di trattenere e manipolare una piccole quantita’ di informazioni per un breve periodo, e permette alle persone di ricordare cose come le direzioni, di completare puzzle e di seguire le conversazioni. La ricerca e’ stata pubblicata sul Journal of the International Neuropsychological Society.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi