Gli oncologi si pronunciano circ…

Mirtilli e melanzane anti…

Cancro: individuati due nuovi ge…

Scoperti da un'equip…

Talassemia: curata in un giovane…

[caption id="attachment_9…

Fibrina e cicatrizzazione

Nel corso della ri…

Melanoma: oltre i 10.000 i nuovi…

E' il terzo tumore piu' f…

Alzheimer: farmaco contro l'asma…

Un farmaco normalmente u…

Vista e udito non sempre sono si…

Le persone apparentem…

Prostata: per prevenzione e inut…

[caption id="attachment_9…

Lo studio di fase II “senza inte…

Lo studio condotto da …

Sodio e vita sedentaria: ecco i …

Negli anziani di età comp…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Micosi unghie: sette milioni gli italiani a rischio, gli sportivi i più colpiti


Sette milioni e mezzo di italiani ‘bersaglio’ potenziale, soprattutto se sportivi. E il rischio è maggiore per chi ha il diabete, l’acne, l’ipertensione o l’alluce valgo. Le micosi delle unghie, tecnicamente onicomicosi, sono un problema concreto per il 16% degli italiani tra i 45 e i 60 anni e per oltre il 20% degli over 60 secondo i risultati dell’indagine epidemiologica Ono (Osservatorio nazionale sulle onicomicosi) che ha realizzato una fotografia della patologia e dei principali fattori di rischio. Il progetto ha coinvolto 25 medici, tra dermatologi e medici di medicina generale, e un totale di 8.331 pazienti.nail_mycosis
Dai dati emerge che lo sport, se non praticato con le opportune accortezze, può favorire le micosi: tra gli under 45 anni ha problemi di micosi l’8,6% di chi pratica sport contro il 5,8% di chi non lo pratica. L’onicomicosi, inoltre, coinvolge maggiormente le persone i cui familiari hanno sofferto dello stesso problema in passato (28,3% contro 12%). Questa micosi colpisce prevalentemente i piedi (83% dei casi), in particoalare il primo e il secondo dito nei piedi e il pollice nelle mani.
Tra i principali fattori di rischio il diabete (30,5% dei malati contro 12,5% della popolazione sana) ma ci sono anche: onicomicosi avuta in passato; alluce valgo; scarpe scomode: patologie vascolari; contatto con sostanze aggressive; acne; dermatite atopica; malattie cardiovascolari; ipertensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: