Alzheimer: una variante genetica…

I portatori di una copia…

Tumore al colon: nuovo marker tu…

Il risultato può essere c…

Cellule staminali progenitrici c…

Un team di ricercatori de…

Cervello: scoperto l'interruttor…

Identificata la causa del…

Conservazione organi: una nuova …

Grazie a una nuova tecnic…

Sindrome premestruale: il Ferro …

Assumere ferro potrebbe …

Melanoma: per la corretta diagno…

Troppi nei sospetti vengo…

Pillole contraccettive: estrogen…

Le donne che hanno recent…

Tumori: parte il progetto sperim…

Fra gli over50, 1 uomo su…

Tumori: aumenta il rischio di de…

Chi riceve una diagnosi d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’area cerebrale deputata al riconoscimento dei numeri


Nel nostro cervello c’è un piccolo gruppo di cellule, situato nel nel giro temporale inferiore della corteccia, che si attiva quando è stimolato dalla visione della specifica forma grafica dei numeri imparata a scuola. La scoperta di questo centro di elaborazione dei numerali dimostra la capacità di cambiamento dei circuiti cerebrali in risposta all’istruzione, ma la sua localizzazione lascia intravedere anche un singolare legame evolutivo con alcune abilità dei nostri antenati “scimmieschi”.corteccia_inferiore
La capacità di riconoscere i numerali – ossia i numeri scritti nella loro forma standard, come “1” o “43” – dipende da un piccolo nucleo di cellule la cui localizzazione è stata individuata da neuroscienziati della Stanford University, che illustrano la loro ricerca in un articolo pubblicato sul “Journal of Neuroscience”. La scoperta offre una prova diretta di come l’apprendimento sia in grado di plasmare i circuiti cerebrali, aggiungendo anche un interessante squarcio sull’evoluzione delle capacità di astrazione dell’essere umano.

Il centro identificato è costituito da appena uno o due milioni di cellule nervose (il cervello ne ha complessivamente circa cento miliardi) situate nel giro temporale inferiore, una regione della corteccia coinvolta nell’elaborazione delle informazioni visive.

Nel corso degli esperimenti ai soggetti sono state mostrate immagini di numeri scritti secondo la grafia corretta, sottoposti a varie deformazioni, lettere, numeri scritti a parole (“sette” invece di “7”) e altri grafemi. Successivamente sono state anche fatte ascoltare ai pazienti parole che indicavano numeri (per esempio “nove”) e che avevano una certa somiglianza fonetica con esse (per esempio “nave”).

“In questa piccola popolazione di cellule nervose, abbiamo visto una risposta molto più forte ai numerali che ad altri simboli pur di aspetto, suono o significato molto simile”, ha detto Josef Parvizi, che ha diretto lo studio. E dato che nessuno nasce con l’abilità innata di riconoscere i numerali, osservano i ricercatori, la ricerca offre una eclatante dimostrazione della capacità dei circuiti cerebrali di modificarsi in risposta all’istruzione.

Questo piccolo gruppo di cellule specializzato nell’elaborazione dei numerali si colloca all’interno di una più vasta area della corteccia che viene attivata da simboli visivi fortemente caratterizzati da linee che formano angoli e da linee curve, offrendo un singolare collegamento evolutivo fra una capacità astratta e… l’abilità di dondolarsi appesi a un ramo: “Sembra che l’evoluzione abbia plasmato questa area del cervello per rilevare stimoli che hanno a che fare con linee che si intersecano a differenti angoli” ha osservato Parvizi, “il tipo di intersezioni che una scimmia deve saper interpretare molto rapidamente quando si sposta oscillando da un ramo all’altro in una fitta foresta.”

Studi così accurati, in grado di localizzare piccoli gruppi di neuroni, si basano sulla possibilità di registrare l’attività dei neuroni in volontari che, soffrendo di gravi forme di epilessia, si sottopongono all’impianto di schiere di microelettrodi nel cervello per localizzare il focolaio all’origine della malattia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi