Chirurgia bariatrica: non compor…

''Le operazioni di chirur…

[FOFI] I decreti ci sono, ora ap…

Con la pubblicazione in G…

Trovati due interruttori ovulazi…

(ANSA) - ROMA, 14 MAG -…

Furbizia e intelligenza grazie a…

[caption id="attachment_7…

Nasce in Messico un bimbo col DN…

E' nato in Messico cinque…

Ru486: rende la pratica dell'abo…

"E' possibile usare la Ru…

Nuovo promettente farmaco per l…

[caption id="attachment_1…

Cellule staminali ringiovanite i…

Un team del Centro nazion…

Epatologia: individuata proteina…

[caption id="attachment_6…

Luce blu uccide i batteri antibi…

Uccidere i batteri resist…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali adulte dell’intestino: per la prima volta isolate


Per la prima volta un team di ricercatori ha isolato cellule staminali adulte dal tessuto dell’intestino umano. Un passo in avanti che consentirà agli scienziati di esplorare nuovi approcci per il trattamento delle malattie infiammatorie intestinali o per migliorare gli effetti collaterali della chemioterapia e della radioterapia, che spesso danneggiano l’intestino. cellule_intestinoA mettere a segno la scoperta, pubblicata sulla rivista ‘Stem Cells’, sono stati i ricercatori dell’università della North Carolina (Usa). “Fino ad oggi l’impossibilità di avere a disposizione queste cellule era un ostacolo per la ricerca – afferma Scott T. Magness, autore dello studio – ora dobbiamo gli strumenti per cominciare a risolvere molti di questi problemi. Un balzo in avanti in un campo che per molti anni si è dovuto accontentare di condurre esperimenti in cellule di topi.
“Ora il passo successivo – osservano i ricercatori – è quello di caratterizzare accuratamente queste popolazioni di cellule staminali per valutare il loro potenziale. Dobbiamo ancora rispondere ad alcune domande, è possibile portare queste staminali al di fuori del corpo per fornire, potenzialmente, una fonte di cellule per la terapia o per l’ingegneria dei tessuti? Ecco – concludono – stiamo lavorando per rispondere in futuro a questi interrogativi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi