Fumo e cancro della prostata: co…

I fumatori hanno maggiori…

Malattie reumatiche: cosa è camb…

Il bilancio dei passi ava…

Alzheimer: test precode DNA per …

Un test tanto precoce del…

Vaginosi batterica: efficaci i p…

[caption id="attachment_8…

Diagnosi precoce del cancro: gra…

Un progetto finanziat…

Il fumo passivo, provato, aumen…

[caption id="attachme…

I geni di uno stesso lievito e l…

La selezione naturale…

DNA frammentato che ci ha resi u…

La parziale disattivazion…

La doppia ..personalita' del DNA

La doppia elica del DNA p…

Stafilococco aureo: allo studio …

Il National Institutes of…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il pesce introdotto nella dieta delle persone anziane migliora lo stato di salute e allunga la vita

I pesci grassi “elisir” di lunga vita. Il segreto si chiama omega 3, gli acidi grassi buoni che proteggono il cuore e di cui sono ricchi in particolare tonno, salmone, sgombro, aringhe e sardine. Mangiandone 2 volte a settimana si guadagnano 2 anni di vita. Lo sostiene un nuovo studio di Dariush Mozaffarian, docente di epidemiologia a Harvard e uno dei massimi esponenti internazionali degli studi sugli effetti degli omega 3. In una nuova ricerca pubblicata su Annals of Internal Medicine, Mozaffarian ha investigato il consumo di acidi grassi e pesce nella popolazione anziana. Sono stati valutati i valori ematici degli acidi grassi di 2.700 persone con 65 anni e più per un arco di tempo di 16 anni.omega3

Per i consumatori abituali di pesce, una maggior livello di acidi grassi omega 3 nel sangue in età avanzata “riduce il rischio di mortalità generale del 27%” e per quanto riguarda il rischio di mortalità per problemi cardiaci addirittura del 35%. Un guadagno di 2,2 anni di vita in più rispetto a chi presentava livelli ematici di acidi grassi omega 3 inferiori.

“I dati in nostro possesso confermano l’importanza di introdurre adeguate quantità di omega 3 per la salute del sistema cardiovascolare e suggerisce anche che il consumo in tarda età possa allungare gli anni che restano da vivere”, spiega il ricercatore. In particolare i “grassi” scudo contro i rischi cardiovascolari sonno l’acido eicosapentaenoico (EPA) che diminuisce il rischio di attacchi di cuore e l’acido docosapentaenoico (DPA) che riduce l’ ictus.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!