Tumore alla vescica: un nuovo te…

Si potra' diagnosticare i…

Spermatozoi a partire da cellule…

Vincono la loro battaglia…

Dislessia e intelligenza: nessun…

[caption id="attachment_5…

Scritta la mappa genetica del ca…

[caption id="attachment_7…

Dermatologi e allarme sifilide: …

Il prezzo della "benzilpe…

Il ruolo dell'amigdala come 'cen…

I ricercatori dell’Univ…

Isolate staminali del rene, nuov…

[caption id="attachment_8…

CCSVI: Il Prof. Zamboni sulla Sc…

[caption id="attachment_5…

Dermatologia: è allarme cloro, o…

Attenzione a non eccedere…

ATS 2014 BPCO: primi dati di Fas…

San Diego, California (…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il pesce introdotto nella dieta delle persone anziane migliora lo stato di salute e allunga la vita

I pesci grassi “elisir” di lunga vita. Il segreto si chiama omega 3, gli acidi grassi buoni che proteggono il cuore e di cui sono ricchi in particolare tonno, salmone, sgombro, aringhe e sardine. Mangiandone 2 volte a settimana si guadagnano 2 anni di vita. Lo sostiene un nuovo studio di Dariush Mozaffarian, docente di epidemiologia a Harvard e uno dei massimi esponenti internazionali degli studi sugli effetti degli omega 3. In una nuova ricerca pubblicata su Annals of Internal Medicine, Mozaffarian ha investigato il consumo di acidi grassi e pesce nella popolazione anziana. Sono stati valutati i valori ematici degli acidi grassi di 2.700 persone con 65 anni e più per un arco di tempo di 16 anni.omega3

Per i consumatori abituali di pesce, una maggior livello di acidi grassi omega 3 nel sangue in età avanzata “riduce il rischio di mortalità generale del 27%” e per quanto riguarda il rischio di mortalità per problemi cardiaci addirittura del 35%. Un guadagno di 2,2 anni di vita in più rispetto a chi presentava livelli ematici di acidi grassi omega 3 inferiori.

“I dati in nostro possesso confermano l’importanza di introdurre adeguate quantità di omega 3 per la salute del sistema cardiovascolare e suggerisce anche che il consumo in tarda età possa allungare gli anni che restano da vivere”, spiega il ricercatore. In particolare i “grassi” scudo contro i rischi cardiovascolari sonno l’acido eicosapentaenoico (EPA) che diminuisce il rischio di attacchi di cuore e l’acido docosapentaenoico (DPA) che riduce l’ ictus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: