Lavoro notturno: e nel corpo si …

Il lavoro notturno getta …

Morte programmata delle cellule …

A differenza di quanto av…

Cellule staminali: correre ne st…

Che l'esercizio fisico gi…

Sclerosi Multipla: si lavora su …

Scienziati israeliani sta…

Nicotina: il meccanismo della di…

La presenza di una variaz…

Quando l’unione fa la forza: ruo…

A Milano un evento dedica…

Depressione: killer subdolo dell…

La depressione e' un kill…

Telethon al S. Raffaele, scopre …

La scoperta, realizza…

Smettere di fumare regala alle d…

Lo afferma una ricerca su…

Il progetto MIRACLE per intensif…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Settimana europea della vaccinazione: in Italia il morbillo non è ancora sconfitto


In Italia la copertura vaccinale contro il morbillo si attesta intorno al 90%, ma e’ ancora lontana dal valore soglia del 95%, necessario ad arrestare la circolazione del virus all’interno della popolazione: dal 2010 al 2012 sono stati notificati oltre 8.300 casi di morbillo, quasi tutti in soggetti non vaccinati o non correttamente vaccinati.

Lo comunica il ministero della Salute riferendo in una nota che anche quest’anno l’Italia aderisce alla Settimana europea della vaccinazione (22-27 aprile 2013) organizzata dall’Ufficio regionale europeo dell’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms).morbillo

”Previeni, Proteggi, Immunizza” e’ lo slogan dell’iniziativa che nata per informare e coinvolgere la popolazione ed i professionisti sanitari sul tema delle vaccinazioni. Lo scopo e’, infatti, quello di aumentare, nella popolazione e tra gli operatori sanitari, la consapevolezza del rischio reale legato alle malattie infettive e dell’opportunita’ ed importanza delle vaccinazioni, attraverso una comunicazione corretta e trasparente che permetta un consenso realmente informato alla pratica vaccinale.

L’Oms stima che ogni anno vengano evitate 2-3 milioni di morti grazie alle vaccinazioni che forniscono protezione nei confronti di importanti malattie dell’infanzia, e non solo, come difterite, morbillo, pertosse, poliomielite, epatite B, alcune forme di polmonite e di meningite, gastroenterite da rotavirus, rosolia e tetano. Tuttavia, oltre 22 milioni di bambini non sono, ancora, adeguatamente protetti con vaccini di routine.

Lo dimostra il caso del morbillo in Italia dove la fascia di eta’ piu’ colpita e’ quella tra 15 e 19 anni e, in questa forbice, oltre il 68% dei malati ha un’eta’ compresa tra 10 e 34 anni, ovvero persone nate negli anni immediatamente successivi all’introduzione del vaccino contro il morbillo nel nostro paese, quando le coperture vaccinali erano ancora molto basse.

In tale quadro il ministero della Salute, costantemente impegnato nella lotta alle malattie infettive, in occasione della Settimana europea della vaccinazione 2013 mette a disposizione sul proprio portale www.salute.gov.it del materiale informativo per avere risposte semplici e chiare ai piu’ comuni dubbi riguardanti le vaccinazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi