AIDS: trant'anni di lotta, ma c'…

Sono passati ormai quattr…

Sindrome da fatica cronica: scop…

Il cervello dei soggetti …

Acne: varianti genetiche associa…

Due varianti genetiche re…

Cancro al seno: diagnosi sofisti…

Nonostante l'impegno note…

La proteina p53 ha un ruolo impo…

[caption id="attachment_5…

Bambini, attenzione ai morsi di …

I pediatri della Società …

E’ in arrivo Tachidino, il dinos…

Ideato dall’Istituto Scie…

Donne in menopausa: attenzione a…

Le donne in menopausa con…

Una gardenia per combattere la s…

[caption id="attachment_6…

Alzheimer e Parkinson: un difett…

Per la prima volta e' sta…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: nuovo farmaco per riconnettere sinapsi perdute


Un farmaco contro l’Alzheimer si e’ mostrato in grado, almeno negli animali, di ripristinare le sinapsi perse a causa della malattia. Lo afferma uno studio del Sanford-Burnham Medical Research Institute di Orlando, in Florida, pubblicato dalla rivista Pnas.
immagine sinapsi

immagine sinapsi

Il farmaco si chiama Nitromemantina, ed e’ l’unione della memantina, una molecola attiva contro le forme lievi e moderate dell’Alzheimer approvata nel 2003, e la nitroglicerina, usata comunemente contro i dolori al petto e l’angina. Lo studio ha esaminato 37 derivati delle due molecole prima di trovare quella efficace.
“La ricerca ci ha mostrato che la memantina da sola ha un effetto limitato nel proteggere le sinapsi – spiegano gli autori – ma la nitromemantina riesce a riportare il numero delle sinapsi a quello normale entro pochi mesi, almeno nei topi malati di Alzheimer”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x