Tumori: il blocco della riparazi…

Bloccare il meccanismo cr…

Fecondazione eterologa: Vademecu…

ROMA, 30 maggio 2014 – In…

Sindrome da deficit d'attenzione…

Dietro la Adhd, la sindro…

ASST Rhodense e farmacie in prim…

Milano, 10 gennaio 2019 –…

L’equivalente è sicuro anche da …

Le preoccupazioni emers…

L'olfatto risulta compromesso da…

[caption id="attachment_8…

Caso sorbitolo: serve la sorvegl…

Roma, 26 marzo 2012 - “Il…

Malattie cardio-metaboliche e ps…

Al 47% delle donne è stat…

Osservatorio influenza:Isolati i…

10 Marzo 2015. Alla fine …

Contro insufficienza cardiaca le…

Ieri 16 gennaio, il profe…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: nuovo farmaco per riconnettere sinapsi perdute


Un farmaco contro l’Alzheimer si e’ mostrato in grado, almeno negli animali, di ripristinare le sinapsi perse a causa della malattia. Lo afferma uno studio del Sanford-Burnham Medical Research Institute di Orlando, in Florida, pubblicato dalla rivista Pnas.
immagine sinapsi

immagine sinapsi

Il farmaco si chiama Nitromemantina, ed e’ l’unione della memantina, una molecola attiva contro le forme lievi e moderate dell’Alzheimer approvata nel 2003, e la nitroglicerina, usata comunemente contro i dolori al petto e l’angina. Lo studio ha esaminato 37 derivati delle due molecole prima di trovare quella efficace.
“La ricerca ci ha mostrato che la memantina da sola ha un effetto limitato nel proteggere le sinapsi – spiegano gli autori – ma la nitromemantina riesce a riportare il numero delle sinapsi a quello normale entro pochi mesi, almeno nei topi malati di Alzheimer”.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x