Report sulla sigaretta elettroni…

Agenzia Nazionale per la …

Le mandorle e il loro benefico r…

[caption id="attachment_8…

Un nuovo stent a rilascio di far…

Al 7° Summit internaziona…

Lotta al dolore e spending revie…

Il 29 e 30 Giugno, torna …

Eccellenza “targata” al reparto …

Una targa prestigiosa -ch…

A OLBIA L’OPEN DAY “LA SALUTE DE…

Il 26 novembre screening …

Biosentinella salva-cuore, per e…

È il biomarker copeptina.…

AIDS: da medicinali generici la …

L'uso di medicinali gene…

Cancro al seno e obesita': scope…

Un comune "mantra" che ci…

Donne italiane dopo la menopausa…

Workshop Incontinenza U…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: nuovo farmaco per riconnettere sinapsi perdute


Un farmaco contro l’Alzheimer si e’ mostrato in grado, almeno negli animali, di ripristinare le sinapsi perse a causa della malattia. Lo afferma uno studio del Sanford-Burnham Medical Research Institute di Orlando, in Florida, pubblicato dalla rivista Pnas.
immagine sinapsi

immagine sinapsi

Il farmaco si chiama Nitromemantina, ed e’ l’unione della memantina, una molecola attiva contro le forme lievi e moderate dell’Alzheimer approvata nel 2003, e la nitroglicerina, usata comunemente contro i dolori al petto e l’angina. Lo studio ha esaminato 37 derivati delle due molecole prima di trovare quella efficace.
“La ricerca ci ha mostrato che la memantina da sola ha un effetto limitato nel proteggere le sinapsi – spiegano gli autori – ma la nitromemantina riesce a riportare il numero delle sinapsi a quello normale entro pochi mesi, almeno nei topi malati di Alzheimer”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi