Sindrome dell'ovaio policistico:…

Il termine utilizzato per…

Inquinamento domestico: un risch…

Nella polvere delle nostr…

L'adrenalina non ha effetti bene…

L'adrenalina somministrat…

Da Forli' in avanti il tumore al…

[caption id="attachment_5…

Acidi grassi prevengono eventi g…

Gli acidi grassi essenzia…

Il tavolo con l’AIFA apre un per…

Su tutti i temi cruciali …

Cancro: un software per aiutare …

[caption id="attachment_…

Cervello in USA: prossimo obiett…

Ha fatto parte del team d…

Confermata l'inefficacia degli a…

Uno studio europeo su 206…

Livelli elevati di clusterina ne…

[caption id="attachment_8…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: nuovo farmaco per riconnettere sinapsi perdute


Un farmaco contro l’Alzheimer si e’ mostrato in grado, almeno negli animali, di ripristinare le sinapsi perse a causa della malattia. Lo afferma uno studio del Sanford-Burnham Medical Research Institute di Orlando, in Florida, pubblicato dalla rivista Pnas.
immagine sinapsi

immagine sinapsi

Il farmaco si chiama Nitromemantina, ed e’ l’unione della memantina, una molecola attiva contro le forme lievi e moderate dell’Alzheimer approvata nel 2003, e la nitroglicerina, usata comunemente contro i dolori al petto e l’angina. Lo studio ha esaminato 37 derivati delle due molecole prima di trovare quella efficace.
“La ricerca ci ha mostrato che la memantina da sola ha un effetto limitato nel proteggere le sinapsi – spiegano gli autori – ma la nitromemantina riesce a riportare il numero delle sinapsi a quello normale entro pochi mesi, almeno nei topi malati di Alzheimer”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!