Trapianto cornea: alla Harvard …

[caption id="attachment_6…

Arteriosclerosi: l'esposizione a…

L'esposizione al cadmio,…

Glioblastoma : importante nuova …

[caption id="attachment_6…

Epatocarcinoma: la sinergia di p…

L’epatocarcinoma è una pa…

TEVA annuncia parere favorevole …

GERUSALEMME, 23 luglio 20…

Aspirina: previene in qualche fo…

L'aspirina puo' abba…

Nasce il primo Centro Italiano p…

Presso l’Ospedale San Giu…

Dalla membrana amniotica si puo'…

[caption id="attachment_1…

Scoperta struttura proteina esse…

Un team di ricercatori sp…

Melanoma: identificato nuovo gen…

Arrivano da uno studio tu…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stamina Foundation: ministero firma decreto per il via libera alla sperimentazione

Stamina-foundation

Sara’ un Comitato scientifico – di cui faranno parte Istituto superiore di sanita’, Centro nazionale trapianti e Agenzia del farmaco, oltre a vari esperti – a decidere i criteri ed i dettagli della sperimentazione del metodo Stamina che utilizza cellule staminali. Lo prevede, secondo quanto si apprende, il decreto attuativo firmato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin per l’avvio della sperimentazione.
Il Comitato scientifico, sempre secondo quanto si apprende, dovra’ dunque stabilire per quali patologie verra’ avviata la sperimentazione col metodo Stamina, quali dovranno essere i criteri per la scelta dei pazienti coinvolti e le modalita’ di produzione delle cellule staminali. Il provvedimento firmato dal ministro della Salute e’ un decreto attuativo delle norme gia’ approvate in merito dal Parlamento.

Lo scorso 15 maggio, infatti, la commissione Affari sociali della Camera ha approvato un emendamento ‘chiave’ al decreto Balduzzi che affronta la questione delle cure compassionevoli, dando il via libera alla sperimentazione di terapie avanzate a base di staminali mesenchimali, quelle usate appunto dal metodo della Fondazione Stamina. La sperimentazione e’ promossa dal ministero della Salute con Agenzia del farmaco (Aifa), Istituto superiore di sanita’ (Iss) e Centro nazionale trapianti (Cnt), e con l’unico paletto della sicurezza dei pazienti.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!