A PARUZZARO L’OPEN DAY “SALUTE D…

Il 22 ottobre screening g…

Anemia: gene essenziale in caren…

- Un team di ricercatori …

La prima volta che il DNA sintet…

Ci sono riusciti i ricerc…

Senescenza cellulare: non rappre…

Le cellule tumorali, inse…

Piastrine: studio CNR dimostra c…

Personalizzare i valori d…

Cellule in laboratorio: nuova te…

Coltivare in laboratorio …

Osservatorio oncogeriatrico: per…

La vecchiaia inizia a 70 …

Chemioterapia: esperti pronostic…

La chemioterapia sara' de…

AIDS: Laboratorio virtuale per a…

[caption id="attachment_…

Idrocolonterapia: messi in dubbi…

L'idrocolonterapia, metod…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Stamina Foundation: ministero firma decreto per il via libera alla sperimentazione

Stamina-foundation

Sara’ un Comitato scientifico – di cui faranno parte Istituto superiore di sanita’, Centro nazionale trapianti e Agenzia del farmaco, oltre a vari esperti – a decidere i criteri ed i dettagli della sperimentazione del metodo Stamina che utilizza cellule staminali. Lo prevede, secondo quanto si apprende, il decreto attuativo firmato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin per l’avvio della sperimentazione.
Il Comitato scientifico, sempre secondo quanto si apprende, dovra’ dunque stabilire per quali patologie verra’ avviata la sperimentazione col metodo Stamina, quali dovranno essere i criteri per la scelta dei pazienti coinvolti e le modalita’ di produzione delle cellule staminali. Il provvedimento firmato dal ministro della Salute e’ un decreto attuativo delle norme gia’ approvate in merito dal Parlamento.


Lo scorso 15 maggio, infatti, la commissione Affari sociali della Camera ha approvato un emendamento ‘chiave’ al decreto Balduzzi che affronta la questione delle cure compassionevoli, dando il via libera alla sperimentazione di terapie avanzate a base di staminali mesenchimali, quelle usate appunto dal metodo della Fondazione Stamina. La sperimentazione e’ promossa dal ministero della Salute con Agenzia del farmaco (Aifa), Istituto superiore di sanita’ (Iss) e Centro nazionale trapianti (Cnt), e con l’unico paletto della sicurezza dei pazienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: