7° Danone International Prize f…

[caption id="attachment_3…

Fumo passivo: parte dalla Svizze…

Divieti di fumare più res…

Ultrabatteri: i ceppi resistenti…

Invulnerabili a quals…

Ricreare le malattie in provetta

Un uso creativo di cellul…

Cancro alla prostata: un nuovo t…

[caption id="attachme…

I geni che programmano i comport…

Una ricerca ha individuat…

All’Aquila riapre la prima farma…

L’impegno della Federazio…

Endometriosi: il Ministero valut…

Sono oggetto ''di attenta…

La prescrizione per principio at…

AssoGenerici apprezza la …

L'analisi esplorativa di fase II…

·  L’analisi su più di 1.…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Anestesia totale: negli anziani aumenta rischio demenza


L’esposizione all’anestesia generale (o totale) aumenta il rischio di demenza negli anziani del trentacinque per cento, secondo una nuova ricerca presentata all’Euroanaesthesia, il congresso annuale della Societa’ Europea di Anestesiologia (ESA).

ANESTHESLa ricerca e’ stata condotta da Francois Sztark dell’Universita’ di Bordeaux ed ha dimostrato che la disfunzione cognitiva postoperatoria e’ associabile allo sviluppo di demenza nel tempo. Una correlazione dovuta ad un meccanismo patologico comune attraverso il peptide beta amiloide. “I nostri risultati – ha spiegato Sztark – hanno rilevato un aumento del rischio di insorgenza di demenza diversi anni dopo l’anestesia generale nei pazienti anziani (eta’ media settantacinque anni). Di qui emerge la necessita’ di riconoscere in tempo il pericolo di disfunzione cognitiva postoperatoria per una migliore gestione perioperatoria dei pazienti over 65”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: