Disponibile in Italia un nuovo f…

Cologno Monzese, aprile 2…

Medicina rigenerativa: cellule e…

[caption id="attachment_8…

Dal dolore alla cura: una questi…

Sabato 12 novembre Conveg…

Artrite psoriasica attiva: ustek…

L’approvazione rende disp…

RNA: si tenta ancora una ricostr…

Fra i ricercatori è diffu…

Noci e vino rosso: polifenoli a …

Una bella insalata condit…

Lanciato nuovo sito finanziato d…

È stato appena lanciato u…

FIMP, FIMMG e SUMAI, esprimono u…

I sindacati della medic…

Cellule staminali: messo a punto…

E' possibile manipolare i…

Due geni in meno nel complesso L…

[caption id="attachment_3…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Anestesia totale: negli anziani aumenta rischio demenza


L’esposizione all’anestesia generale (o totale) aumenta il rischio di demenza negli anziani del trentacinque per cento, secondo una nuova ricerca presentata all’Euroanaesthesia, il congresso annuale della Societa’ Europea di Anestesiologia (ESA).

ANESTHESLa ricerca e’ stata condotta da Francois Sztark dell’Universita’ di Bordeaux ed ha dimostrato che la disfunzione cognitiva postoperatoria e’ associabile allo sviluppo di demenza nel tempo. Una correlazione dovuta ad un meccanismo patologico comune attraverso il peptide beta amiloide. “I nostri risultati – ha spiegato Sztark – hanno rilevato un aumento del rischio di insorgenza di demenza diversi anni dopo l’anestesia generale nei pazienti anziani (eta’ media settantacinque anni). Di qui emerge la necessita’ di riconoscere in tempo il pericolo di disfunzione cognitiva postoperatoria per una migliore gestione perioperatoria dei pazienti over 65”.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x