Igiene orale e funzionalità cere…

Un nuovo studio sembra su…

A rischio servizio agli utenti e…

Cancellata da una legge r…

Istituto Europeo di Oncologia me…

L'analisi messa a pun…

Epatite C: prossima definitiva c…

''Nei prossimi anni conti…

Staminali della pelle: scoperto …

Ringiovanire le cellu…

Dati Censis: Tac e RX grande ric…

Boom del privato per Tac…

Scoperto il gene-guida che manti…

Roma, 15 dic. - Per alzar…

Tumori: dal c-MET alla TAC a spi…

L'obbiettivo è il solito:…

Ipertensione: quadro corretto se…

Misurare piu' volte la pr…

Nasce il Neonatal Network della …

In occasione del XX Congr…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Anestesia totale: negli anziani aumenta rischio demenza


L’esposizione all’anestesia generale (o totale) aumenta il rischio di demenza negli anziani del trentacinque per cento, secondo una nuova ricerca presentata all’Euroanaesthesia, il congresso annuale della Societa’ Europea di Anestesiologia (ESA).

ANESTHESLa ricerca e’ stata condotta da Francois Sztark dell’Universita’ di Bordeaux ed ha dimostrato che la disfunzione cognitiva postoperatoria e’ associabile allo sviluppo di demenza nel tempo. Una correlazione dovuta ad un meccanismo patologico comune attraverso il peptide beta amiloide. “I nostri risultati – ha spiegato Sztark – hanno rilevato un aumento del rischio di insorgenza di demenza diversi anni dopo l’anestesia generale nei pazienti anziani (eta’ media settantacinque anni). Di qui emerge la necessita’ di riconoscere in tempo il pericolo di disfunzione cognitiva postoperatoria per una migliore gestione perioperatoria dei pazienti over 65”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi