Ipertensione polmonare: dalla Lo…

[caption id="attachment_8…

Fibrosi cistica: in USA nuova te…

Un gruppo di ricercatori…

Al batter di ciglia il cervello …

Al pari di un computer, i…

Sclerosi multipla affrontata con…

È già in cura ed è genove…

Epatite B: dal 21 maggio test gr…

Campagna in sei lingue pe…

Nervi recisi: team di scienziati…

Un team di scienziati ame…

Stress emotivo causa insorgenza …

Un nuovo studio dell'Univ…

Tumori: proteine marker del papi…

A seconda del ceppo o del…

Morte cellulare: importante stud…

[caption id="attachment_6…

Incontinenza urinaria: si punta …

Bloccare l’attività di un…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Anestesia totale: negli anziani aumenta rischio demenza


L’esposizione all’anestesia generale (o totale) aumenta il rischio di demenza negli anziani del trentacinque per cento, secondo una nuova ricerca presentata all’Euroanaesthesia, il congresso annuale della Societa’ Europea di Anestesiologia (ESA).

ANESTHESLa ricerca e’ stata condotta da Francois Sztark dell’Universita’ di Bordeaux ed ha dimostrato che la disfunzione cognitiva postoperatoria e’ associabile allo sviluppo di demenza nel tempo. Una correlazione dovuta ad un meccanismo patologico comune attraverso il peptide beta amiloide. “I nostri risultati – ha spiegato Sztark – hanno rilevato un aumento del rischio di insorgenza di demenza diversi anni dopo l’anestesia generale nei pazienti anziani (eta’ media settantacinque anni). Di qui emerge la necessita’ di riconoscere in tempo il pericolo di disfunzione cognitiva postoperatoria per una migliore gestione perioperatoria dei pazienti over 65”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi