Scoperta una proteina che rallen…

Bloccando una proteina c…

Diabete: quasi all'epilogo della…

[caption id="attachment_5…

Autismo: test accurato per rilev…

Neuroscienziati canades…

Ictus: nelle donne quattro ore c…

Le donne che camminano al…

Non tutto il male viene per nuoc…

Roma, 25 febbraio 2015 – …

Merck Serono Leader nell’Innovaz…

·         La nuova ve…

1 aprile 2016: SECONDA GIORNATA…

Torna la 2° edizione dell…

Rapine nelle farmacie: un fenome…

Roma, 1° agosto 2013 - “D…

Merck Serono completa l'arruolam…

Lo studio valuterà la …

Con microfibre laser e integrita…

6th International Meeting…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cure palliative: i malati terminali non le conoscono come forma di terapia


Quasi due terzi dei malati terminali di tumore ai polmoni non capisce che la radioterapia a cui si sottopongono ha la funzione di alleviare i sintomi, e credono sia una cura. Lo afferma uno studio del Dana-Farber Cancer Institute di Boston pubblicato dal Journal of Clinical Oncology.cure_palliative Lo studio e’ stato condotto su 384 pazienti, a cui sono state chieste le aspettative sulla radioterapia palliativa prescritta per ridurre il dolore e altri sintomi neurologici.
Il 64% si e’ detto convinto di seguire una forma di terapia, e il 20% ha addirittura dichiarato che la cura avrebbe sconfitto il cancro ‘molto probabilmente’. Il 78% era invece convinto che le radiazioni servissero a ‘vivere piu’ a lungo’. “Siamo stati sorpresi del risultato – commentano gli autori – perche’ a tutti i pazienti era stato detto che la terapia serviva a migliorare l’ultimo periodo della loro vita”.

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
monica Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
monica
Ospite
monica

Non c’è niente da sorprendersi perché tutti noi abbiamo la speranza di poter vivere e quindi una terapia è una speranza. ..e comunque non si accetta che si debba morire di li a poco. .sperimentato da poco con entrambi i miei genitori. .

Archivi