Dalla cataratta al glaucoma: Mil…

Glaucoma e diabete so…

Mal di schiena: ereditario nel 5…

Un 'fardello' che, in cir…

L'impatto dell'epigenetica sui d…

Le malattie neuropsichiat…

Cellule staminali: subìto il dan…

Un nuovo studio della Joh…

AIDS: un antibiotico insieme a a…

[caption id="attachment_6…

Procreazione assistita: autorizz…

[caption id="attachment_5…

iHealth: squadra al servizio del…

iHealth, l’avveniristica …

Mammografie: esperti riscontrano…

Fino a un quarto dei casi…

CNR: Studi ad alta quota per meg…

Verificare l'ipotesi seco…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Procreazione assistita: il sì della GB a bimbo da tre genitori


Il Regno Unito potrebbe diventare il primo Paese a permettere la procreazione assistita di bebè utilizzando il Dna di tre persone: il governo ha dato il suo sostegno all’innovativa tecnica di fecondazione in vitro che, secondo gli esperti, potrebbe eliminare il rischio di malattie mitocondriali invalidanti e potenzialmente fatali che vengono trasmesse da madre a figlio. Il governo britannico produrrà proposte di regolamento entro la fine dell’anno e la procedura potrebbe essere messa a disposizione nel giro di due anni.procreazione_assistita
I mitocondri sono le ‘centrali elettriche’ che danno energia al corpo. I mitocondri difettosi sono alla base di patologie in un neonato ogni 6.500. Fra le conseguenze cecità, insufficienza cardiaca e morte nei casi più estremi. La notizia del via libera è subito rimbalzata sui media d’Oltremanica: gli oppositori evidenziano la mancanza di etica in questa decisione e il fatto che le coppie con problemi possono adottare o ricorrere a donatrici di ovuli.

La tecnica, invece, si tradurrebbe nel concepimento di bambini con il Dna dai due genitori più quello di una piccola quantità da un terzo donatore: precisamente il bebè avrebbe più di 20.000 geni da genitori e 37 geni mitocondriali dal donatore.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi