Alzheimer: la vitamina B, utile …

Assumere una pillola di …

Fumo passivo: parte dalla Svizze…

Divieti di fumare più res…

Diabete nel mondo: Boehringer ed…

Boehringer Ingelheim e El…

Lotte ai tumori: la nuova onda d…

(di Umberto Veronesi) Da …

Approvato olodaterolo in monosom…

·  Studi di Fase III hann…

Malattie cardiache in età pediat…

I neonati messi al mondo …

Pubblicazione su Nature sulla ma…

Nature pubblica oggi onli…

Cellule staminali: approvata pri…

Per la prima volta una te…

Ad Agrigento un convegno per par…

I biosimilari sono farmac…

Procreazione assistita: autorizz…

[caption id="attachment_5…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’osteoartrite e il legame con l’orologio circadiano dell’uomo


Esercizi e pasti regolari, uniti a periodici riscaldamenti e raffreddamenti delle giunture, potrebbero fornire sollievo a chi soffre di osteoartrite. Gli scienziati della University of Manchester hanno scoperto un legame fra l’orologio corporeo e questo disordine che potrebbe anche aiutare a spiegare come mai le persone piu’ anziane hanno una maggiore probabilita’ di sviluppare questa comune malattia delle articolazioni. osteoporosiSi tratta del primo studio che mostra che le cellule delle cartilagini hanno un orologio biologico interno che ‘accende’ e ‘spegne’ i geni che controllano il funzionamento dei tessuti. A quanto si legge sulla rivista ‘Arthritis and Rheumatism’, il ritmo di questo orologio della cartilagine potrebbe spiegare come mai chi soffre di osteoartrite sente peggiorare i sintomi in determinati momenti della giornata.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi