Bevanda in grado di ricreare ben…

Potrebbe rappresentare la…

DNA frammentato che ci ha resi u…

La parziale disattivazion…

Terapia genica per curare retini…

[caption id="attachment_8…

AboutPharma Digital Awards 2014:…

Assegnati ieri sera gli A…

Stomaco 'comunica' col cervello …

Le nostre risposte alla p…

Prosegue nel segno della continu…

 L’IRCCS milanese smentis…

Superbatteri: nuova molecola a f…

Potrebbe far compiere not…

Epatite C: la scoperta di intera…

La scoperta del ruolo chi…

Il biosimilare in Italia è un’oc…

Roma, 25 giugno 2015 - “L…

La "luce in fondo al tunnel" del…

Circa il 20% di chi s…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

L’osteoartrite e il legame con l’orologio circadiano dell’uomo


Esercizi e pasti regolari, uniti a periodici riscaldamenti e raffreddamenti delle giunture, potrebbero fornire sollievo a chi soffre di osteoartrite. Gli scienziati della University of Manchester hanno scoperto un legame fra l’orologio corporeo e questo disordine che potrebbe anche aiutare a spiegare come mai le persone piu’ anziane hanno una maggiore probabilita’ di sviluppare questa comune malattia delle articolazioni. osteoporosiSi tratta del primo studio che mostra che le cellule delle cartilagini hanno un orologio biologico interno che ‘accende’ e ‘spegne’ i geni che controllano il funzionamento dei tessuti. A quanto si legge sulla rivista ‘Arthritis and Rheumatism’, il ritmo di questo orologio della cartilagine potrebbe spiegare come mai chi soffre di osteoartrite sente peggiorare i sintomi in determinati momenti della giornata.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x