All’Istituto San Carlo il nuovo …

Al via da gennaio il cors…

Trapiantato cuore artificiale in…

E' stato impiantato al me…

Trombosi Venosa Profonda: Nuovi …

Bologna, 15 ottobre 2…

Baci e benefici: meno calorie, m…

Non si tratta di legg…

I meccanismi molecolari dell'acc…

[caption id="attachment_7…

Reazioni di rigetto: a Padova si…

Un gruppo di ricercatori …

Tumori: test del KRAS per miglio…

[caption id="attachment_8…

USA: problema sedentarietà figli…

Piu' dell'abuso di droghe…

Nervi recisi: cellule staminali …

Un gruppo di ricercatori …

Trapianti rene: dialisi peritone…

I pazienti in terapia co…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Tumori: “No” secco dei chirurghi all’asportazione della prostata a scopo…preventivo


Il secco no alla chirurgia preventiva degli urologi Siuro
Il dibattito è iniziato con la decisione di Angelina Jolie di farsi asportare entrambi i seni dopo la scoperta di un gene che alza il rischio di cancro. Nelle stesse settimane un manager britannico si faceva asportare chirurgicamente la prostata per lo stesso motivo. La presenza del gene Brca2 che nelle donne è associato all’insorgenza del cancro al seno e alle ovaie, nell’uomo al tumore maschile più frequente. Adesso arriva il secco no alla chirurgia preventiva per la salute degli uomini. Lo ribadiscono gli urologi del Società Italiana di Urologia Oncologica (SIUrO) riuniti a Firenza per il Congresso Nazionale.

“È vero, le ultime ricerche – afferma Giario Conti, presidente SIUrO – hanno dimostrato che l’alterazione, tramite mancate riparazioni del Dna, del gene Brca 2 nel maschio aumenterebbe il rischio relativo di sviluppare il tumore di 9 volte circa rispetto alla popolazione normale. Tendenzialmente i tumori dovuti ad alterazioni genetiche sono più aggressivi, più veloci e danno più facilmente origine a metastasi. Ma per la prostata, a differenza di quello che accade per il tumore al seno e alle ovaie dove la probabilità è molto alta e dove esistono dei percorsi medici precisi, per il tumore della prostata le conoscenze attuali non sono assolutamente tali da garantire la correlazione tra l’alterazione dei geni e l’insorgenza del tumore”.

Il test genetico va richiesto solo per coloro che hanno, in famiglia, diversi casi di tumore aggressivo della prostrata, ossia quando c’è una forte familiarità e si sospetta la presenza di uno di questi due geni. Pertanto, sotto queste condizioni, l’utilità dello screening genetico di massa perde di significato. “La presenza di un’anomalia genetica non rappresenta la certezza di sviluppare il tumore della prostata – prosegue Alberto Lapini, presidente del Congresso – e non giustifica in alcun modo una scelta così radicale qual è l’asportazione della prostata.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi