Legumi ottimi deterrenti per tum…

Mangiare almeno tre volte…

Micro RNA e le nuove terapie per…

Farmaci a base di micro-R…

VI^ Edizione Forum Meridiano San…

SAVE THE DATE   Lun…

Con padre anziano figli più espo…

I padri che concepiscono …

Cervello: ciglia cellulari guida…

Un nuovo studio ha mostra…

Arrivano le staminali per la Mac…

[caption id="attachment_1…

Fecondazione eterologa: Cecos, b…

"Dal giorno successivo a…

Organelli citoplasmatici: un sis…

L'ottimizzazione delle di…

Alzheimer: una risonanza potrebb…

Con una risonanza al cerv…

Dieta mediterranea: più di ogni …

Olio d'oliva e noci sono …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Obesità: USA avanti con le cure, Italia indietro


“La scelta dell’Associazione dei medici americani di dichiarare l’obesità una malattia e obbligarne la diagnosi va nella direzione giusta. Dobbiamo iniziare a trattare questi pazienti, in Italia il 10% dei connazionali è obeso e il 35% è sovrappeso, come affetti da una vera patologia che va affrontata con tutti i trattamenti a disposizione, anche i farmaci. Molecole che agiscono sull’appetito, ma in Italia su questo fronte siamo ancora indietro”.obesity Ad affermarlo all’Adnkronos Salute è Federico Vignati, segretario della Società italiana dell’obesità (Sio) che commenta così la decisione dell’American Medical Association (Ama) che per la prima volta ha dichiarato l’obesità una malattia.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x