Rapamicina: arriva dall'isola di…

[caption id="attachment_1…

Un Team Multidisciplinare Di Spe…

E’ quanto emerge nel cors…

Batteri intestinali e le funzion…

Una modifica della flor…

Dal liquido amniotico cellule st…

Uno studio pubblicato su…

Nanoparticelle magnetiche per la…

Particelle minuscole,…

Malattie sessualmente trasmesse:…

Maggiori libertà sessuali…

SITIP: Al via il 13° Congresso N…

13° Congresso Nazionale …

Microchirurgia innovativa per st…

[caption id="attachment_7…

Medicina rigenerativa: da stamin…

Si allunga la lista degli…

In gravidanza le vitamine abbass…

Un supplemento a base di …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi multipla: se scarseggia il gene predittore


Identificato un meccanismo genetico che potrebbe essere la causa per cui alcuni pazienti affetti da sclerosi multipla entrano con maggiore rapidita’ rispetto ad altri nelle fasi piu’ debilitanti della malattia.multiple-sclerosis-2
La scoperta potrebbe portare allo sviluppo di un test per aiutare i medici a creare trattamenti su misura per le persone ammalate di sclerosi. Un team di ricercatori coordinati da Sergio Baranzini dell’Universita’ della California ha scoperto che l’assenza del gene Tob1 nelle cellule T CD4+, tipologia di cellule immunitarie, e’ una caratteristica cruciale nell’insorgenza precoce dei sintomi gravi della patologia. La creazione di un test per il rilevamento del gene potrebbe permettere di predire il decorso della sclerosi multipla nei singoli pazienti.

Lo studio e’ stato pubblicato sul Journal of Experimental Medicine. Dagli esperimenti e’ emerso che i topi carenti del gene Tob1 affetti da sclerosi multipla sviluppano con estrema rapidita’ la forma piu’ debilitante e aggressiva della malattia.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi