Sonno: diminuire le ore vuol dir…

Rinunciare anche solo a u…

Il 9 Febbraio la Prima Giornata …

In oltre 125 Paesi – tra …

Passaggio da staminali a neuroni…

La stessa tecnica riprodo…

Vietato abbassare la guardia con…

Vietato abbassare la guar…

Sequenziamento del DNA: tecnica …

PASSI avanti nella mappat…

Piastrine: regioni del genoma ch…

Analizzando milioni di va…

Tra tumore a seno e demenza una …

[caption id="attachment_7…

Le Minacce alla Qualità del Farm…

A Milano una Tavola Roton…

Superbatterio in GB: è allarme c…

Il pericolo corre sul bu…

Artrite: potrebbe essere causa d…

Chi soffre di artrite…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sclerosi multipla: se scarseggia il gene predittore


Identificato un meccanismo genetico che potrebbe essere la causa per cui alcuni pazienti affetti da sclerosi multipla entrano con maggiore rapidita’ rispetto ad altri nelle fasi piu’ debilitanti della malattia.multiple-sclerosis-2
La scoperta potrebbe portare allo sviluppo di un test per aiutare i medici a creare trattamenti su misura per le persone ammalate di sclerosi. Un team di ricercatori coordinati da Sergio Baranzini dell’Universita’ della California ha scoperto che l’assenza del gene Tob1 nelle cellule T CD4+, tipologia di cellule immunitarie, e’ una caratteristica cruciale nell’insorgenza precoce dei sintomi gravi della patologia. La creazione di un test per il rilevamento del gene potrebbe permettere di predire il decorso della sclerosi multipla nei singoli pazienti.

Lo studio e’ stato pubblicato sul Journal of Experimental Medicine. Dagli esperimenti e’ emerso che i topi carenti del gene Tob1 affetti da sclerosi multipla sviluppano con estrema rapidita’ la forma piu’ debilitante e aggressiva della malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi