Placche aterosclerotiche che svi…

In poco tempo lo sviluppo…

Densità mammaria e rischio di sv…

Le donne il cui seno appa…

Eutanasia: Fondazione Maruzza (c…

La Fondazione Maruzza, da…

Tumori e leucemie: uno studio it…

(Adnkronos Salute) - Da u…

Alzheimer: come la proteina beta…

La proteina beta amiloide…

Amebiasi: l'ameba che uccide le …

L'Entamoeba histolytica, …

Tumori: migliora la sopravvivenz…

I 5 big killer, i tumori …

Dislessia: la natura genetica è …

E' ormai accertata la na…

Endometriosi esterna e adenomios…

[caption id="attachment_8…

Ecco come il nostro cervello sin…

Onde cerebrali «sincroniz…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali contro malattia oculare: in Giappone il via alla sperimentazione la prima sperimentazione mondiale sull’uomo


In Giappone la prima sperimentazione al mondo sull’uomo di una terapia con staminali ‘riprogrammate’ (iPS) ha ricevuto il via libera da parte di una commissione governativa, e potrebbe partire quest’anno. Lo riportano i media nipponici, fra cui il sito del Japan Times, secondo cui le cellule saranno usate contro una malattia dell’occhio.  Le staminali iPS si ottengono appunto ‘riprogrammando’ quelle adulte, e hanno la capacita’ di trasformarsi in diversi tipi di tessuto. I ricercatori del Riken Center for Development Biology preleveranno alcune cellule della pelle di pazienti che soffrono di degenerazione maculare, una patologia legata all’eta’ che porta a una perdita di capacita’ visiva, trasformandole in iPS. Queste verranno poi fatte trasformare in cellule della retina, che andranno a sostituire quelle perse per la malattia. “In questa fase – spiega il quotidiano – il test ha l’obiettivo di verificare se il trapianto comporta qualche rischio per i pazienti. In una fase successiva verra’ valutato l’eventuale recupero di capacita’ visiva”. Le cellule Ips, che hanno fatto vincere allo scopritore, il ricercatore giapponese Shinya Yamanaka, il Nobel nel 2012, per molti sono un’alternativa eticamente accettabile alle staminali embrionali, anche se le loro capacita’ sono inferiori rispetto a quelle delle cellule prelevate da embrioni.

Il passaggio alla sperimentazione sull’uomo e’ stato comunque molto piu’ veloce rispetto a quello di ogni altro tipo di staminali, che solo dopo decenni dalla loro scoperta hanno iniziato l’iter che dovrebbe portare a vere e proprie terapie. Il via libera definitivo al test giapponese dovrebbe arrivare dal ministero della Salute entro quest’anno.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi