Cancro alla prostata: nuovo agen…

Una nuova strategia tera…

Progressi e novità sull'uso dell…

[caption id="attachme…

Infarto del miocardio: uomini pa…

Rispetto alle donne, gli …

Vitamina C: due kiwi al giorno p…

Grazie ad effetti ben…

Il naturale 'sonar' dei non vede…

I non vedenti possono svi…

Il ruolo particolare dell'RNA ch…

Identificata una "quinta"…

Degenerazione maculare: da cellu…

La degenerazione maculare…

Asma: con immunosoppressori migl…

Un tipo di asma cronica …

Vaccino universale, contro ogni …

Nuova tecnologia a ba…

Tumori al seno: con la 'Breast U…

Da un nodulo al seno sosp…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cannabis: nessuna incidenza sulla progressione della malattia il suo utilizzo


La cannabis non ha alcun effetto sulla progressione della sclerosi multipla, secondo un nuovo studio clinico pubblicato su ‘Lancet Neurology’. L’indagine ha studiato i potenziali effetti di rallentamento sul decorso della sclerosi multipla progressiva del principale componente attivo della cannabis, il tetraidrocannabinolo.   I risultati rivelano che non esistono prove che suggeriscano associazioni positive tra il ricorso alla cannabis e la decelerazione della sclerosi. Lo studio, chiamato CUPID (Cannabinoid Use in Progressive Inflammatory brain Disease) e’ stato promosso dai ricercatori della Plymouth University e ha coinvolto circa cinquecento persone affette da sclerosi multipla da ventisette centri del Regno Unito, monitorate per un periodo di otto anni.

Il solo impatto positivo della cannabis sulla sclerosi multipla e’ stato rilevato tra i partecipanti classificati al livello piu’ basso di disabilita’ al momento dell’iscrizione alle sperimentazioni. Ma si tratta – avvertono i ricercatori – di risultati che riguardano un piccolo gruppo di persone e che quindi necessitano di ulteriori approfondimenti per valutarne la veridicita’.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!