Rete neurale comune a tutti i ve…

A dispetto della vasta ga…

Batteri che resistono all'arseni…

L'analisi comparativa del…

Midollo osseo produce cellule ch…

Il motivo per cui si man…

Inquinamento domestico: un risch…

Nella polvere delle nostr…

Tessuto epatico ricreato artific…

[caption id="attachment_…

Alzheimer a tavola: si alla diet…

[caption id="attachment_3…

Le trasformazioni dei batteri in…

Le colonie di batteri ben…

Malattie cardiovascolari esasper…

[caption id="attachment_5…

Fertilità maschile messa a repen…

Alcune sostanze contamina…

Dermatologia: è allarme meteo, g…

Allarme dermatologi: gli …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cellule staminali contro AIDS


Il trapianto di cellule staminali potrebbe eliminare l’Hiv. Ma il trattamento potrebbe essere troppo rischioso per le persone affette dal virus. Due uomini con Hiv sono stati curati dalla malattia dopo aver ricevuto un trapianto di celule staminali per trattare un linfoma. L’annuncio e’ stato dato oggi durante la Aids Society Conference che si sta tenendo a Kuala Lumpur. Il primo paziente ha ricevuto il trapianto di cellule staminali per rimpiazzare il globuli che producono il midollo osseo tre anni fa, l’altro cinque anni fa.
I regimi terapeutici seguiti sono stati simili a quelli praticati per Timothy Ray Brown, il ”paziente Berlino’ che da sei anni e’ libero dall’Hiv e che finora e’ l’unico adulto a essere stato dichiarato curato dal virus. I due uomini, i ‘pazienti Boston’ vivono attualmente senza livelli di Hiv misurabili nel sangue, ma stanno ancora prendendo gli antiretrovirali. Secondo i medici del Brigham and Women’s Hospital di Boston, Massachusetts, e’ comunque troppo resto per dire se i pazienti sono stati o meno curati, e bisognera’ attendere almeno un altro anno, ”ma i dati finora sono incoraggianti” ha dichiarato Daniel Kuritzkes, che ha lavorato con i pazienti.

I ricercatori sono eccitati dalla notizia perche’, soprattutto, a differenza del paziente di Berlino i pazienti di Boston hanno ricevuto cellule staminali prive di una mutazione in una proteina chiave, la CCR5, di cui il virus ha bisogno per infettare la cellule. I pazienti di Boston hanno infatti ricevuto staminali prive di questa mutazione protettiva: il trattamento, tuttavia, e’ ancora lontano dal poter essere usato per la generalita’ dei malati di Hiv, anche in via ipotetica, dati gli alti rischi connessi al trapianto.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi