Rene rigenerato negli USA dalle …

Un'équipe medica del …

Asma: anche in Italia inizio tes…

Sono iniziati anche in Eu…

Il gene della Palachitosi, final…

[caption id="attachment_1…

Il sole: il piu' grande stimolat…

[caption id="attachment_6…

Spondilite anchilosante: individ…

Una ricerca ha identifica…

Interpretare l'alfabeto del cont…

Scienziati del Karolinska…

Fibrosi cistica: gli estrogeni p…

Pubblicato sul "New Engla…

Stimolazione ovarica in età avan…

I farmaci per la stimolaz…

L’operato di A.L.I.Ce. Italia on…

Cuneo, 14 Giugno 2011 - S…

Ratto robot con i baffi dà nuovo…

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Turni notturni aumentano incidenza tumori al seno


Lavorare di notte per troppi anni o per una vita intera aumenta il rischio di sviluppare il cancro al seno, fino a farlo raddoppiare. A stabilirlo è una ricerca canadese della Queen’s University e della British Columbia Cancer Agency pubblicata su ‘Occupational and Environmental Medicine’. brest_cancerIl rischio di andare incontro ad una neoplasia alla mammella raddoppia in chi ha lavorato nelle ore notturne per 30 o più anni. I ricercatori hanno esaminato 1.134 donne con tumore al seno e 1.179 donne della stessa età, ma senza la malattia. Le partecipanti avevano diversi profili professionali. Ebbene, coloro che avevano lavorato di notte per 30 o più anni avevano il doppio di probabilità sviluppare il cancro.

Secondo i ricercatori il legame tra tumore al seno e turni notturni è la mancanza di melatonina (ormone che agendo sull’ipotalamo regola il ciclo sonno-veglia) una condizione che si può verificare alla lunga in questi soggetti. “Tuttavia – riporta la ricerca – anche i disturbi del sonno, la trasformazione dei ritmi circadiani e una carenza di vitamina D possono fare la loro parte”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi