Pediatria - Inaugurazione Aula D…

PATOLOGIE IN CALO E PATOL…

Fegato ottenuto da staminali rip…

Un 'fegato rudimentale', …

Obesità: individuati sette nuovi…

I geni responsabili del…

TEVA e ACTIVE BIOTECH: continua …

Gerusalemme & Lund, S…

ATS 2014 BPCO: primi dati di Fas…

San Diego, California (…

Anche l'uomo (e i mammiferi) ha …

Una piccola porzione del …

Diagnosi precoce infiammazioni: …

Saranno lanciate a Ottawa…

Tra i fumatori il rischio di ost…

Ci sono voluti 20 anni p…

Micosi unghie: sette milioni gli…

Sette milioni e mezz…

Visite ai malati non-stop e repa…

  Oltre a curare al megli…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: alcune anomalie genetiche favoriscono l’insorgenza del cancro


Alcune anomalie del Dna possono contribuire ad aumentare il rischio cancro nelle persone con diabete di tipo 2. Lo studio dell’Imperial College London e’ stato pubblicato su Nature Genetics. Gli scienziati hanno infatti scoperto che un tipo di anomalia genetica legata al cancro e’ piu’ comune nelle persone con diabete di tipo 2 rispetto al resto della popolazione.    In particolare, si tratta di una mutazione chiamata Cme (clonal mosaic events), un difetto che si verifica in qualche cellula che ha delle copie extra, o mancanti, di larghi tratti di Dna. Molto raro nelle persone giovani, questo difetto genetico e’ piu’ frequente negli ultrasettantenni, che ne sono colpiti in proporzione di uno ogni 50. Secondo il nuovo studio, la mutazione Cme era quattro volte piu’ comune nelle persone con diabete di tipo 2: la ricerca si integra con un’altra, della fine dello scorso anno, che aveva mostrato che questa mutazione aumentava di 10 volte il rischio di ammalarsi di cancri del sangue.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi