Legge 40 e diagnosi preimpianto:…

La Corte europea dei diri…

Custirsen per la cura del tumore…

Teva Pharmaceutical Indus…

Quando la rinite allergica è cau…

Di giorno raffreddore…

Mal di schiena per 7 adolescenti…

Per la prima volta in Ita…

CNR: nuovi microscopi con super-…

I ricercatori dell Istit…

Cancro alla prostata: la circonc…

La circoncisione potrebbe…

Cardo mariano: non solo per il f…

I farmaci chemioterapici …

Disfunzione erettile: sei uomini…

Almeno una volta nella vi…

Cancro allo stomaco: nemico di 1…

Nemico insidioso e sotto…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: alcune anomalie genetiche favoriscono l’insorgenza del cancro


Alcune anomalie del Dna possono contribuire ad aumentare il rischio cancro nelle persone con diabete di tipo 2. Lo studio dell’Imperial College London e’ stato pubblicato su Nature Genetics. Gli scienziati hanno infatti scoperto che un tipo di anomalia genetica legata al cancro e’ piu’ comune nelle persone con diabete di tipo 2 rispetto al resto della popolazione.    In particolare, si tratta di una mutazione chiamata Cme (clonal mosaic events), un difetto che si verifica in qualche cellula che ha delle copie extra, o mancanti, di larghi tratti di Dna. Molto raro nelle persone giovani, questo difetto genetico e’ piu’ frequente negli ultrasettantenni, che ne sono colpiti in proporzione di uno ogni 50. Secondo il nuovo studio, la mutazione Cme era quattro volte piu’ comune nelle persone con diabete di tipo 2: la ricerca si integra con un’altra, della fine dello scorso anno, che aveva mostrato che questa mutazione aumentava di 10 volte il rischio di ammalarsi di cancri del sangue.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi