Epilessia: trattamento precoce p…

Il trattamento precoce c…

Atrofia muscolare spinale: ident…

Identificato un biomarca…

Vita sessuale: nell'uomo il dolo…

Un gruppo di scienziati d…

AIDS e HIV: nuovo test messo a p…

I virologi statunitensi…

Parkinson attivato 'in vitro' pe…

[caption id="attachment_1…

Tumori e fumo: ennesimo studio a…

- ''Due recenti articoli …

Distrofia muscolare: molecole ch…

Un gruppo di scienziati d…

Ritorna l'influenza, e la soluzi…

La Professoressa Susanna …

Ustekinumab: nuovi risultati di …

I benefici di ustekinumab…

Glioblastoma: probabile causa ce…

Il glioblastoma multiform…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Diabete di tipo 2: alcune anomalie genetiche favoriscono l’insorgenza del cancro


Alcune anomalie del Dna possono contribuire ad aumentare il rischio cancro nelle persone con diabete di tipo 2. Lo studio dell’Imperial College London e’ stato pubblicato su Nature Genetics. Gli scienziati hanno infatti scoperto che un tipo di anomalia genetica legata al cancro e’ piu’ comune nelle persone con diabete di tipo 2 rispetto al resto della popolazione.    In particolare, si tratta di una mutazione chiamata Cme (clonal mosaic events), un difetto che si verifica in qualche cellula che ha delle copie extra, o mancanti, di larghi tratti di Dna. Molto raro nelle persone giovani, questo difetto genetico e’ piu’ frequente negli ultrasettantenni, che ne sono colpiti in proporzione di uno ogni 50. Secondo il nuovo studio, la mutazione Cme era quattro volte piu’ comune nelle persone con diabete di tipo 2: la ricerca si integra con un’altra, della fine dello scorso anno, che aveva mostrato che questa mutazione aumentava di 10 volte il rischio di ammalarsi di cancri del sangue.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi