Differenza genica tra uomo e cav…

Due importanti caratteris…

Crisi ipoglicemiche: sei settima…

Un programma di correzion…

Ictus al femminile: come preveni…

L’American Heart Associat…

Malaria: l'azione diretta su lar…

Colpire i siti di ri…

Vita sessuale meno dolorosa in m…

Il dolore da rapporto ses…

Scompenso cardiaco grave: l’alte…

[caption id="attachme…

Il ruolo dei prioni nella memori…

Le proteine prioniche, no…

Dal 29 novembre al primo dicembr…

Il numero uno della Socie…

Mele: i pediatri vigilano sull'a…

A Roma il 16 Febbraio 201…

Tumori: il gioco chiave delle be…

Non solo predisposizione …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Legame tra autismo e anticorpi materni


Un gruppo di ricercatori della University of California di Davis ha scoperto che l’esposizione prenatale a specifiche combinazioni di anticorpi che si trovano solo nelle madri di bambini autistici porta a cambiamenti nel cervello che danneggiano il comportamento e lo sviluppo. autismo_530Gli scienziati, a quanto si legge su Translational Psychiatry, hanno scoperto che gli anticorpi specifici immunoglobulina-G (IgG) che si trovano nella placenta durante la gravidanza hanno un impatto sullo sviluppo del cervello del feto, e possono portare a una forma di autismo che ora i ricercatori hanno chiamato Mar (maternal antibody-related). Si tratta di una forma di autismo che gli scienziati stimano rappresenti il 23 per cento di tutti i casi di questo disordine. Gli scienziati, studiando un gruppo di scimmie, hanno notato che la prole esposta a questi anticorpi presentava cambiamenti nel comportamento ma anche nello sviluppo del cervello, che era piu’ rapido nei maschi, rispetto al gruppo di controllo.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!