Diabete: varianti genetiche inci…

[caption id="attachme…

Decadimento muscolare: scoperta …

[caption id="attachment_6…

Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

Dal CNR: il gene chiave per lo s…

[caption id="attachme…

Cellule staminali tumorali: nuov…

[caption id="attachment_8…

Dalla Ginecologia dell’Ospedale …

Unità Operativa Complessa…

Disfunzione erettile: potrebbe n…

I medici avvertono che sp…

Uveite: che cos'è?

L'uveite è un'infiamm…

Tumori: dal c-MET alla TAC a spi…

L'obbiettivo è il solito:…

Si premia l'eccellenza della ric…

Due giovani scienziate ha…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Epilessia: qual’è nuovo approccio con le staminali


Gli scienziati della University of Michigan Medical School hanno sviluppato un nuovo approccio a base di cellule staminali per studiare origini e possibilita’ di trattamento per l’epilessia. Gli studiosi hanno trasformato cellule epiteliali di pazienti epilettici in staminali, e quindi le hanno indotte a diventare neuroni.
In questo modo, il team di scienziati ha creato un piccolo terreno di prova in miniatura per lo studio dell’epilessia. In particolare, gli scienziati si sono concentrati su una rara forma genetica dell’epilessia, la sindrome di Dravet, in cui si verificano livelli di sodio molto alti e si presenta anche una grande ipereccitabilita’ dei neuroni che puo’ scatenare crisi epilettiche. I neuroni ottenuti dalle cellule della pelle dei pazienti con questa malattia, non mostravano alcuna attivita’ anomala, si legge sulla rivista Annals of Neurology, coerentemente col fatto che i bambini con sindrome di Dravet spesso soffrono i loro primi attacchi solo quando hanno diversi mesi di eta’.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x