MALATTIA DI CROHN, ARRIVA L’APPR…

La nuova terapia è stata …

E' nato il primo bambino italian…

UNA REALE CONCRETA POSS…

Come il cervello corregge "il ti…

Quando siamo tristi, il m…

Ghiandole sudoripare accelerano …

La pelle umana contiene …

Al Campus Bio-Medico il più picc…

Soluzione “high tech” per…

Batteri resistenti all'iper-grav…

Sono in grado di vivere i…

Menopausa: con staminali possibi…

[caption id="attachment_9…

Glucosio nel sangue: in grado di…

I livelli di glucosio nel…

Riabilitazione cardiaca, utile a…

La riabilitazione car…

Cellule riprogrammate per produr…

Un gruppo di scienziati d…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Alzheimer: l’allattamento al seno contribuisce a ridurre il pericolo di contrarlo


L’allattamento al seno puo’ ridurre il pericolo di Alzheimer. Un nuovo studio suggerisce che le madri che allattano corrono un rischio minore di sviluppare il morbo: a lunghi periodi di allattamento al seno corrispondono riduzioni ulteriori del rischio. alzheimerLa ricerca, appena pubblicata sul ‘Journal of Alzheimer’, ritiene che l’associazione possa avere a che fare con alcuni effetti biologici dell’allattamento al seno, come il ripristino della tolleranza all’insulina notevolmente ridotta durante la gravidanza. Fattore importante per il morbo caratterizzato da resistenza all’insulina nel cervello. La correlazione e’ risultata molto meno pronunciata nelle donne che avevano gia’ una storia di demenza in famiglia. Gli esiti dello studio, condotto da Molly Fox dell’Universita’ di Cambridge, appaiono particolarmente interessanti soprattutto in quei contesti in cui sono disperatamente necessarie strategie preventive “a buon mercato” contro il morbo, come nel caso dei paesi in via di sviluppo.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi