Carenza di vitamina C in gravida…

Una carenza di vitamina …

AIDS: si studia nuovo vaccino ch…

Hanno esaminato il modo i…

Chirurgia: valutare l’innovazion…

Nel corso del Convegno “S…

iHealth: squadra al servizio del…

iHealth, l’avveniristica …

Una scoperta avvicina ad un vacc…

[caption id="attachment_5…

Emicranie: anche le anomalie res…

Un gruppo di scienziati d…

Malattie cardiovascolari: scoper…

Un gruppo di ricercatori …

Fumatori italiani i meno convint…

I fumatori italiani sono …

ALL’EASL NUOVI DATI SU SIMEPREVI…

I dati confermano l’effic…

“Mettici la Faccia”: disegna il …

Al via il concorso dell’I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Cancro alla prostata: scoperta una mutazione genetica


La mutazione di un gene che incide sul sistema immunitario potrebbe aumentare la suscettibilita’ al cancro alla prostata. La ricerca del Fred Hutchinson Cancer Research Center e’ stata pubblicata sulla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention.prostateGli scienziati hanno scoperto che alcune mutazioni nel gene BTNL2 che codifica per una proteina coinvolta nella regolazione della proliferazione delle cellule T e della produzione delle citochine, aumenta il rischio di sviluppare cancro alla prostata. Si stima che circa il 42 per cento dei casi di cancro alla prostata siano dovuti a cause ereditarie o a variazioni genetiche presenti alla nascita.

I ricercatori hanno studiato pazienti con cancro alla prostata provenienti da famiglie con pattern di cancro alla prostata ereditario. Il team ha scoperto che una delle varianti associate a una mutazione del gene BTNL2 aumentava da 2,5 a 2,7 volte il rischio di sviluppare cancro alla prostata.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi