Ipotiroidismo: coinvolti un ital…

Solo 1 italiano su 5 sa c…

Trapianto di polmone da donatore…

Al Policlinico di Milano …

Merck Serono: studio CELIM sui r…

[caption id="attachme…

Telethon: trovato il gene respon…

[caption id="attachment_1…

Nel quartiere #Gorla, attività f…

Milano, 17 ottobre 2016 -…

Insufficienza renale: in arrivo …

E' in arrivo la videodial…

Euromelanomaday 2012: sabato 5 e…

Prevenzione, diagnosi pre…

Tumore al polmone: la Global Lun…

‘Lung Cancer: We’r…

Cancro del colon-retto: un test …

Un test da fare a casa, m…

Parkinson: impiantato prima sist…

E' stato effettuato in …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Leucemia acuta: l’inibizione di una specifica proteina ne contrasta l’insorgenza


Secondo un nuovo studio, il blocco di una proteina di solito legata alla soppressione della leucemia potrebbe essere una buona strategia terapeutica contro una forma aggressiva della malattia, chiamata leucemia mieloide acuta (Aml).  Lo studio e’ opera del Cincinnati Children’s Hospital Medical Center. Come si legge sul Journal of Clinical Investigation, la proteina in questione e’ un fattore di trascrizione noto come RUNX1, che gica un ruolo molto importante nella regolazione dello sviluppo delle cellule cel sangue. I ricercatori hanno scoperto che la RUNX1 supporta la crescita della Aml alimentata da quelle che sono chiamate ‘proteine di fusione’.

“La RUNX1 e’ generalmente considerata un soppressore del tumore nelle neoplasie mieloidi, ma il nostro studio ha trovato che inibire la sua attivita’ potrebbe avere un effetto positivo contro la Aml alimentata dalle proteine di fusione” ha spiegato James Mulloy, fra gli autori della ricerca.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x