Tumore al seno: un test genomico…

La diagnosi, già in uso i…

HIV: protocollo terapeutico in g…

La combinazione di farm…

Gruppo Ictus Emiplegia Onlus, la…

Tra i servizi, una linea …

Obesita’, una patologia ad alto …

Associazione di Iniziativ…

Melanoma: colpire l'angiogenesi …

Novita' importanti per co…

Alzheimer: ansiolitici e sonnife…

L’uso di ansiolitici e so…

La settimana Mondiale del Cervel…

“Neurologia e donna” uno …

Stress e rischio infarto: i cape…

[caption id="attachment_9…

Dieta mediterranea: scudo anti-d…

La dieta mediterranea rid…

Magnetoterapia pulsata per ridur…

MILANO - I calciatori son…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Olio extravergine: l’elisir di lunga vita e i poteri anti-Alzheimer


L’olio extravergine di oliva arma anti invecchiamento, utile nel trattamento preventivo dei danni neurologici legati all’eta’ e al morbo di Alzheimer senile.

Indicazioni in questo senso vengono da uno studio condotto da due gruppi di ricercatori dell’Universita’ di Firenze – guidati da Massimo Stefani del Dipartimento di Scienze Biomediche sperimentali e cliniche e da Fiorella Casamenti del Dipartimento NEUROFARBA – e appena pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica PLoS One che riporta le conclusioni di osservazioni condotte su modelli animali.alzheimer

Gli studiosi hanno verificato su topi transgenici, portatori delle alterazioni collegate con l’Alzheimer, gli effetti della somministrazione dell’olio extravergine di oliva. ”I topi sono stati alimentati per due mesi con oleuropeina aglicone, il principale fenolo presente nell’olio extravergine di oliva – spiega Massimo Stefani -. Al termine del trattamento i topi hanno mostrato assenza del deficit cognitivo e comportamentale manifestato dai topi non trattati e, a livello istopatologico, riduzione dei depositi amiloidi nel parenchima cerebrale e della reazione neuroinfiammatoria, insieme a un marcato aumento della risposta autofagica, considerata protettiva nei confronti del danno cellulare da aggregati amiloidi, che caratterizzata il morbo di Alzheimer”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!