Carenza di vitamina C in gravida…

Una carenza di vitamina …

AIDS: si studia nuovo vaccino ch…

Hanno esaminato il modo i…

Chirurgia: valutare l’innovazion…

Nel corso del Convegno “S…

iHealth: squadra al servizio del…

iHealth, l’avveniristica …

Una scoperta avvicina ad un vacc…

[caption id="attachment_5…

Emicranie: anche le anomalie res…

Un gruppo di scienziati d…

Malattie cardiovascolari: scoper…

Un gruppo di ricercatori …

Fumatori italiani i meno convint…

I fumatori italiani sono …

ALL’EASL NUOVI DATI SU SIMEPREVI…

I dati confermano l’effic…

“Mettici la Faccia”: disegna il …

Al via il concorso dell’I…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Super-colazione promossa, per allontanare lo spettro di obesità e diabete


Una colazione ben nutrita non solo è un primo passo verso una forma fisica più snella, ma è anche una valida alleata per avere energia in più, migliorare il buonumore e prevenire condizioni come obesità, diabete, ipertensione e problemi cardiovascolari: a sostenerlo è un gruppo di ricercatori dell’University of Tel Aviv (Israele), secondo cui non è importante solo “cosa” si mangia, ma anche “quando”.

I risultati dello studio, pubblicati su Obesity, mettono in evidenza che i benefici di una colazione “super” vanno oltre i chili e centimetri di girovita persi. Daniela Jakubowicz e colleghi hanno assegnato a 93 donne obese due diete ipocaloriche da seguire per un periodo di 12 settimane, consistenti ciascuna in un totale di 1400 calorie giornaliere suddivise, rispettivamente, in 700 calorie a colazione, 500 a pranzo e 200 a cena per il primo gruppo e in 200 calorie a colazione, 500 a pranzo e 700 a cena per il secondo.

Dallo studio è emerso che, rispetto alle partecipanti assegnate al gruppo della cena abbondante, le donne del gruppo della “super-colazione” – che nel menu comprendeva anche un dolce, come un pezzo di torta al cioccolato – avevano nel corso della giornata livelli significativamente più bassi di insulina, glucosio e trigliceridi, e quindi un minor rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, diabete e ipertensione. Non solo: le signore che avevano consumato 700 calorie a colazione alla fine delle 12 settimane di studio avevano perso in media 8 chili e 7,5 centimetri di girovita, contro i 3 chili e i 3,5 centimetri di girovita dell’altro gruppo.

Jakubowicz spiega che il meccanismo potrebbe ruotare intorno all’ormone grelina, noto per regolare la sensazione di fame. Le donne del gruppo della colazione abbondante, infatti, nel corso della giornata avevano livelli più bassi dell’ormone, e sentendosi più sazie facevano meno ricorso a snack e spuntini.

1
Lascia una recensione

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Isa Recent comment authors
  Subscribe  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Isa
Ospite
Isa

Il confronto non è solo sulle 700 calorie a colazione che penso davvero vengano assimilate e trasformate in energia dopo un lungo digiuno notturno, ma dare 700 calorie a cena al secondo gruppo penso abbia avuto un peso rilevante nella minor perdita di peso. A parte queste valutazioni io sono favorevole alla colazione abbondante e proteica, che faccio con i frullati herbalife tutti i giorni. Inutile saltarla o mangiare troppi zuccheri e grassi quando optiamo per cornetto e cappuccino. Scegliere frutta e proteine in polvere è diventata per me una buona e facile abitudine.

Archivi