Osteoporosi: l'ormone tiroideo f…

L'ormone tireostimolante …

Alzheimer: scoperto un anticorpo…

Un nuovo studio pubblicat…

Scoperto il gene primario dell’E…

Lo studio, appena pubblic…

Parkinson: Ibuprofene allontaner…

L'ibuprofene, uno dei piu…

Nel DNA le orme dell'infinita lo…

Dalla peste bubbonica all…

Congresso SIN: annunciato il vin…

Roma, 14 ottobre 2014 – L…

Un importante traguardo: control…

[caption id="attachment_1…

Melanoma: nuova terapia di vacci…

[caption id="attachment_6…

La latenza del virus HIV determi…

[caption id="attachment_7…

Scoperto un processo chiave nel …

[caption id="attachment_1…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

ADUC: USA stanzia 4,5 mld per una ricerca sulle VSEL

NeoStem, con base nel New Jersey, nell’est degli Usa, lavora su delle piccole cellule staminali di tipo embrionario chiamate VSEL (very small embryonic like cells), di cui alcuni ricercatori ne rifiutano l’esistenza.

Queste cellule si trovano nel sangue e nel midollo osseo degli adulti e possono, come tutte le cellule staminali embrionarie, trasformarsi in qualsiasi cellula del corpo -dicono i ricercatori di NeoStem.
Questa ricerca ha provocato una controversia nella comunita’ scientifica in virtu’ del partenariato di NeoStem col Vaticano e anche per il fatto che tre studi indipendenti non hanno confermato l’esistenza di queste cellule.vsel
Gli ultimi fondi concessi dall’Istituto Nazionale di Sanita’ (NIH) a NeoStem sono per sostenere i lavori su un trattamento sperimentale basato sulle VSEL, per rigenerare il tessuto osseo danneggiato da alcune infezione della gengiva.
NeoStem ha ottenuto complessivamente 4,5 milioni di dollari di denaro pubblico per questa ricerca. Il NIH, a ieri, non ha ancora risposto ad una domanda dell’agenzia France Presse (AFP) per commentare la concessione di questi nuovi fondi.
Interesse scientifico
Uno studio clinico in fase 2 potrebbe iniziare quest’anno o agli inizi del 2014 e sara’ condotto in cooperazione tra i ricercatori dell’Universita’ del Michigan -ha precisato NeoStem in un comunicato di ieri.

Lo scorso luglio, alcuni ricercatori dell’Universita’ di Stanford in California hanno scritto sulla rivista Stem Cell che essi non avevano potuto riprodurre i risultati di NeoStem su cellule staminali estratte dal midollo osseo di alcuni topi. Per loro, queste cellule erano in realta’ dei relitti di cellule morte o delle semplici cellule vive incapaci di riprodursi. Altri due ricercatori avevano in precedenza pubblicato sulla rivista PLoS One, nel 2012 e nel 2013, che non erano stati in grado di trovare delle VSEL.
Ma molti altri laboratori dicono di essere riusciti a trovare queste cellule seguendo alla lettera i metodi del detentore del brevetto -dice il ricercatore Mariusz Ratajczak. Il suo laboratorio nel Kentucky e’ stato il primo ad individuare delle VSEL in dei topi nel 2006.
Se i ricercatori di NeoStem, lo confermeranno, queste cellule potranno rappresentare per la ricerca un’alternativa alle cellule staminali embrionarie, ambito che rimane molto controverso poiche’ comporta la distruzione di embrioni umani.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi