I grassi alterano la percezione …

Cibi che contengono grass…

Gravidanza, scoperti i fattori d…

Le donne che hanno s…

Trombopenia neonatale alloimmune…

La trombopenia neonatale …

Saranno piccoli robot-spia a nav…

[caption id="attachment_8…

Demenza: secondo esperti è un ve…

AGeSPI e Regione Piemonte…

Melanoma: cellule immunitarie mo…

Un gruppo di ricercat…

Lo studio TIOSPIRTM una pietra m…

Lo studio TIOSPIRTM una p…

Procreazione Medicalmente Assist…

Tra i rischi da conoscere…

Test genetici online: decisament…

I test genetici predittiv…

iHealth Align: il glucometro con…

iHealth Align ha vinto il…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Bambino di 6 anni morto di malaria dopo una vacanza in Africa

Logo-SitipDichiarazione della Prof.ssa Susanna Esposito, Direttore dell’Unità di Pediatria ad Alta Intensità di Cura della Clinica De Marchi e Responsabile del Centro per il Bambino Viaggiatore dell’Ospedale Policlinico di Milano. 

Milano, 11 settembre 2013 – “Sul caso della morte di questo bambino – afferma Susanna Esposito – nutro alcune perplessità sul fatto che sia stato opportunamente sottoposto a profilassi antimalarica e che questa sia stata condotta in maniera regolare. Ribadisco l’importanza della prevenzione: può capitare, infatti, che famiglie con bambini si rechino in paesi a rischio per andare a visitare i propri parenti anche per un periodo prolungato e sottovalutino i rischi della malaria o si sottopongano alla profilassi in maniera saltuaria e incostante.

Vorrei sottolineare, ancora una volta, che la profilassi antimalarica è fondamentale prima di partire per paesi tropicali o zone a rischio. Consiglio di non affidarsi a metodi fai-da-te o suggeriti tramite passaparola ma di recarsi sempre in un centro specializzato per questo tipo di malattie infettive. E, non ultimo, di assumere i farmaci in maniera corretta”.

“L’efficacia della profilassi antimalarica – prosegue Susanna Esposito – nei confronti della malaria mortale è quasi totale e chi acquisisce la malaria a fronte di una profilassi ben condotta presenta forme curabili. Ricordo, inoltre, che nei 6 mesi successivi al rientro da un viaggio in zone a rischio, se il bambino presenta sintomi quali febbre alta superiore a 38° o brividi persistenti, è opportuno recarsi subito al pronto soccorso. Spesso, infatti, la febbre soprattutto nei bambini viene confusa con altre patologie, per tale motivo, è importante escludere un pericolo di malaria; la malaria, infatti, nei bambini ha un’evoluzione rapida con rischi mortali.

“Un ulteriore fattore da tenere in considerazione – conclude Susanna Esposito – è quello poi della predisposizione di ogni singolo soggetto a contrarre la malaria, ma questo non è certamente prevedibile”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi