Alzheimer e memoria semantica: l…

[caption id="attachment_1…

La qualità del sonno migliora co…

Un nuovo studio statunit…

Alzheimer: funziona la prevenzio…

La somministrazione prolu…

Protesi neuromuscolari: possibil…

L'intenzione di movimento…

Arrivano gli stent per i restrin…

Buone notizie per i pazie…

Osservatorioinfluenza.it si rinn…

Una sezione dettagliata s…

Dal colesterolo una speranza con…

[caption id="attachm…

Sindrome di Marfan: un 'paziente…

Si deve alla 'testardaggi…

"L'ho già visto!" - Scienziati s…

Il suono di una voce che …

SLA: un errore nella formazione …

Un errore nella formazion…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Digossina e decessi: uno strano legame

La digossina, farmaco comunemente usato per il trattamento dei disturbi cardiaci, e’ risultata associata a un rischio maggiore di morte nei pazienti affetti da insufficienza cardiaca.


La scoperta e’ di un nuovo studio del Kaiser Permanente pubblicato sulla rivista Circulation: Cardiovascular Quality and Outcomes. La digossina e’ un farmaco derivato dalla digitale purpurea (Digitalis purpurea), pianta usata per piu’ di duecento anni per il trattamento dell’insufficienza cardiaca.digossina “Questi risultati suggeriscono che l’uso di digossina dovrebbe essere rivalutato per il trattamento dello scompenso cardiaco sistolico nella pratica clinica contemporanea”, ha detto Alan S. Go, autore senior della ricerca condotta su 2.891 adulti con diagnosi di insufficienza cardiaca sistolica. Dai dati e’ emerso che la digossina e’ associata al rischio di morte del 72 per cento piu’ elevato tra gli individui con insufficienza cardiaca sistolica .

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!