Tutti i mezzi dei Farmacisti vol…

Roma, 2 novembre 2016. La…

Antibiotici e multiresistenza

[caption id="attachme…

L'olfatto risulta compromesso da…

[caption id="attachment_8…

Pillola anticoncezionale di terz…

La pillola anticonceziona…

Arriva il preservativo femminile…

L’AIDOS lancia la Campagn…

Obesità e bisturi: appena seimi…

Sei milioni di italiani…

Ormone in grado di simulare gli …

Trarre i vantaggi dell'at…

Botulino contro l'iperidrosi: l'…

Fanno una vita da inferno…

Non è dal brevetto dell’originat…

Un’ordinanza del Consigli…

Sigarette elettroniche: non si è…

La sigaretta elettronica …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Il farmaco etico è riservato alla farmacia a tutela della salute

FofiLe conclusioni dell’Avvocato Generale considerano la normativa italiana non in contrasto con il Trattato europeo, in quanto funzionali a un accesso equo e sicuro ai medicinali da parte dei cittadini

Roma, 5 settembre 2013 – L’Avvocato Generale Nils Wahl ha depositato oggi le sue conclusioni nel procedimento di rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia Europea, proposto dal TAR della Lombardia, per conoscere se la normativa nazionale che preclude al professionista farmacista di dispensare medicinali di fascia C soggetti a prescrizione medica nelle parafarmacie osti con il principio di libertà di stabilimento di cui all’art. 49 del TFUE. Nelle sue conclusioni, Wahl ritiene che la Corte di Giustizia dovrebbe pronunciarsi a favore della normativa italiana, in quanto la scelta di limitare la vendita del farmaco etico, che sia o meno rimborsato dal SSN, alle farmacie convenzionate è funzionale alla tutela della salute del cittadino e, in vista di questo obiettivo superiore, è lecita anche una limitazione proporzionata della libertà di stabilimento. “Le conclusioni dell’Avvocatura Generale della Corte di Giustizia Europea, che naturalmente non sono la sentenza, vanno però considerate come il segno che ormai si è creata una giurisprudenza che considera la regolazione della dispensazione del farmaco come uno degli strumenti con i quali gli Stati nazionali organizzano la tutela della salute della popolazione” dice il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani Andrea Mandelli.


“Difatti è significativo che l’Avvocato Wahl abbia richiamato questi principi anche se non erano presenti, questa volta, nelle osservazioni scritte presentate dal Governo italiano. Per la Federazione, che è un organo ausiliario dello Stato a tutela del cittadino, questo è un aspetto fondamentale, che rende evidente come la linea seguita fin qui nella sua azione sia ispirata innanzitutto al bene della collettività”.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami

Archivi