Un singolo gene responsabile del…

Un singolo gene potrebbe …

Cancro alla bocca: anche il caff…

Bere più di quattro tazze…

IL PAZIENTE ONCOLOGICO E INTERNE…

Dall’analisi del comporta…

Quel che resta del ricordo e' so…

[caption id="attachment_6…

Le vie cerebrali del gusto

Anche per questo senso es…

Progetto Behta: oncologi oggi a …

Senigallia, 2 Maggio – …

Il nostro sistema immunitario sp…

Il 29 aprile si celebra l…

Controllare i battiti cardiaci t…

[caption id="attachment_8…

Malattia di Huntington: ancora n…

L’attuale mancanza di una…

Un test del DNA predice la possi…

[caption id="attachme…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome di down: colina in gravidanza e allattamento diventano sollievo per le funzioni cerebrali del bebè

Nel caso di feti e bambini con la sindrome di Down l’assunzione da parte delle mamme in gravidanza e allattamento di supplementi di colina potrebbe aumentare le funzioni cerebrali dei piccoli.


Lo suggerisce uno studio su topi geneticamente modificati della Cornell university pubblicato dalla rivista ‘Neurobiology of Disease’. trisomiaI ricercatori hanno studiato i piccoli di topo che avevano la sindrome di Down, sottoponendoli a un test in un labirinto nell’acqua, scoprendo che quelli le cui mamme avevano assunto il supplemento di colina, una sostanza presente soprattutto in uova, carne e in molti vegetali come i broccoli e i cavolfiori, avevano risultati migliori.

“In gravidanza il fabbisogno di colina aumenta drammaticamente – spiegano gli autori – i livelli maggiori favoriscono la neurogenesi, la formazione di neuroni, nell’ippocampo, l’area del cervello fondamentale per la memoria e la cognizione spaziale”.

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Archivi

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x