Dislessia: la natura genetica è …

E' ormai accertata la na…

EFIC-Grünenthal Grant: anche nel…

Aquisgrana/Bruxelles, 23 …

Merck Serono completa l'arruolam…

Lo studio valuterà la …

Malaria: farmaco contro il diabe…

Un farmaco in grado di pr…

Bendaggio gastrico: efficace in …

Un paziente su quattro, d…

TEVA presenta nuove ricerche sui…

Inserita nel programma sc…

Scoperto quale gene nei topi ha …

Il gene in questione espr…

Il meccanismo dei chemioterapici…

Identificato un meccanis…

Endometriosi: studio rivela coll…

[caption id="attachment_1…

Sindrome Miastenia congenita: ve…

L'individuazione del gene…

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Sindrome di down: colina in gravidanza e allattamento diventano sollievo per le funzioni cerebrali del bebè

Nel caso di feti e bambini con la sindrome di Down l’assunzione da parte delle mamme in gravidanza e allattamento di supplementi di colina potrebbe aumentare le funzioni cerebrali dei piccoli.


Lo suggerisce uno studio su topi geneticamente modificati della Cornell university pubblicato dalla rivista ‘Neurobiology of Disease’. trisomiaI ricercatori hanno studiato i piccoli di topo che avevano la sindrome di Down, sottoponendoli a un test in un labirinto nell’acqua, scoprendo che quelli le cui mamme avevano assunto il supplemento di colina, una sostanza presente soprattutto in uova, carne e in molti vegetali come i broccoli e i cavolfiori, avevano risultati migliori.

“In gravidanza il fabbisogno di colina aumenta drammaticamente – spiegano gli autori – i livelli maggiori favoriscono la neurogenesi, la formazione di neuroni, nell’ippocampo, l’area del cervello fondamentale per la memoria e la cognizione spaziale”.

Archivi

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!